ARTE ANTICA MODERNA CONTEMPORANEA


IMPRESSIONI PERSONALI

I - II - III - IV - V - VI - VII - VIII - IX

  • E’ impressionante la perfetta simbiosi che Michelangelo è riuscito ad instaurare tra queste due essenze per natura contrapposte: spirito e materia. E’ stato proprio questo a spingermi ad approfondire le mie conoscenze su queste particolari figure di Michelangelo.
  • Ciò che m'interessava era il desiderio dell’artista di spingersi oltre la banale rappresentazione di ciò che già in natura è noto, per tentare di rendere visibile con la pietra ciò che è solo un concetto, un’idea o una sensazione, che è poi la ricerca di andare oltre la rappresentazione del reale visibile per rappresentare il reale sensibile.

Il Davide di Michelangelo

  • La bellezza di queste immagini sta nel loro realismo esasperato. I colpi di scalpello, ancora ben visibili, contribuiscono a creare questo realismo che avvolge le figure. Mentre guardando il David (poco distante) si ha l’impressione di una figura irreale, quasi fotografata, poco coinvolgente, proprio perché perfetta e senza alcun alone di mistero, guardando i Prigioni invece si è più coinvolti emotivamente.
  • Di regola l'esigenza dello spettatore è quella di cercare l’interpretazione più logica possibile di ciò che vede. Qui invece ci si sente quasi catturati all’interno della pietra, come se si stesse partecipando attivamente alla lotta disumana degli schiavi.
  • Queste figure credo che siano uno specchio abbastanza fedele dell’animo di Michelangelo: un animo non ostile ma ostinato, e in un certo senso ribelle. Non aveva certo un buon carattere ma sicuramente aveva una grande personalità e un grandissimo talento, e questo gli permetteva di osare più degli altri e di proporre dei concetti molto innovativi rispetto alla cultura artistica del suo tempo.
  • Una delle tante interpretazioni date di questi personaggi, forse meno nota delle altre, è quella che vede in queste figure il tentativo di liberarsi della "vita". Ciò in quanto l’originaria destinazione delle statue era quella di un monumento funerario: si tratterebbe quindi di una sorta di "resurrezione laicizzata".

Mauro Scozzi


Web Homolaicus

Enrico Galavotti - Homolaicus - Sezione Arte
 - Stampa pagina
Aggiornamento: 27/08/2015