ECONOMIA E SOCIETA'
idee per il socialismo democratico


MENO TASSE? ELIMINIAMO GLI SPRECHI

I - II - III

di Eripac

Proponiamo dei "piccoli sacrifici" che porterebbero subito molti miliardi di euro nelle casse dello Stato. Se le seguenti proposte fossero attuate, perderebbero i soldi e privilegi soltanto coloro che ne hanno moltissimi.

  • Ridurre del 50% il numero dei politici nazionali, regionali, comunali e degli enti locali.
  • Ridurre del 60% gli stipendi dei suddetti politici e dei deputati europei.
  • Fissare per tutte le pensioni d’oro un tetto massimo di 36 mila euro netti all’anno.
  • Fissare un tetto massimo di 40 mila euro netti all’anno a tutti i funzionari dello Stato.
  • Sopprimere tutti gli Enti provinciali (le Province dovevano essere abolite quando istituirono nel 1970 le Regioni). Sono solo centri di potere politico e burocratico e costano moltissimo.
  • Sopprimere tutte le Prefetture (il Presidente Einaudi le considerava un potere superato).
  • Abolire tutti gli enti inutili (circa tremila) da cui tutti i partiti traggono benefici clientelari.
  • Rispetto per il Popolo Sovrano. Il finanziamento pubblico ai partiti è stato bocciato da un referendum. Non esiste alcuna giustificazione di farlo rinascere con un altro nome.
  • Se non si può annullare il Concordato (costa allo Stato ogni anno 4 miliardi di euro), si può però modificarlo: togliamo gli insegnanti di religione dalle scuole pubbliche e aboliamo l’8x1000. Negli Usa si detrae dalle tasse (è previsto un tetto) la cifra che si versa alla propria Chiesa o alla Ricerca scientifica.
  • Dimezzare le spese militari. Le Forze Armate offrono pochi risultati, ma spendono molti miliardi di euro. Naturalmente ritiro di tutti i contingenti militari in Iraq.
  • Sopprimiamo i Comuni con meno di cinquemila abitanti (nessuna nazione europea possiede ottomila comuni).
  • Togliere il buono scuola alle famiglie che mandano i figli nelle scuole private.
  • Abolire ogni finanziamento pubblico ai giornali di partito e alle associazioni create dai parlamentari per scopi clientelari.
  • Annullare le pensioni baby e di invalidità alle famiglie che godono di un altro reddito superiore ai 40 mila euro netti all’anno.
  • Ripristinare la tassa di successione per le eredità superiori ai 200 mila euro.
  • Lotta all’evasione fiscale attraverso l’istituzione dell’anagrafe delle proprietà immobiliari, società, aziende, titoli, stipendi, pensioni d’oro, ecc. delle famiglie.
  • Naturalmente i dipendenti degli enti soppressi dovrebbero essere trasferiti negli organici dei Comuni e di altri enti. Nessuno dovrà perdere il posto di lavoro.

Fonte: www.circolorussell.it

Testi


Le immagini sono prese dal sito "Foto Mulazzani"

Web Homolaicus

Enrico Galavotti - Homolaicus - Sezione Economia -  - Stampa pagina
Aggiornamento: 22/04/2015