STORIA DEL CALCOLO AUTOMATICO
E DELLE SUE APPLICAZIONI PRATICHE


LA MACCHINA DI ANTICITERA

  • Il pi¨ antico calcolatore a ingranaggi lo conosciamo col nome di Macchina di Anticitera, ed Ŕ dell’87 a.C. Anticitera era una piccola isola presso Creta; la macchina fu trovata tra i resti di una nave affondata. Probabilmente fu realizzato tra il 150 e il 100 a.C. nell'isola di Rodi.
  • Fu trovato nel 1901 da alcuni pescatori di spugne, a bordo di una nave romana affondata, ma solo nel 1951 si Ŕ cominciato a capire come funzionava. Derek De Solla Price ci ha messo 20 anni (1950-70) per poterlo riprodurre.
  • Alla sua progettazione partecip˛ probabilmente Ipparco, uno dei maggiori astronomi dell'epoca.
  • Meccanismi simili appaiono di nuovo nella Bisanzio del V secolo e nell'islam medievale, ma bisogna dire che tutta la tecnologia del II sec. a. C. and˛ perduta e non venne trasmessa alle generazioni successive (p.es. la ruota dentata dovette essere inventata due volte).
  • Il meccanismo misurava 18x15 cm. Prevedeva il moto della luna lungo lo zodiaco (tenendo conto dell'orbita ellittica del satellite), i movimenti del sole, le fasi lunari e le eclissi, sia solari che lunari. In tutto aveva 37 ingranaggi, tra ruote dentate, perni e lancette (7 sono andati perduti).
  • Si trattava di un complesso planetario, mosso da vari ingranaggi a ruote dentate, che serviva per calcolare il sorgere del sole, le fasi lunari, i movimenti dei cinque pianeti allora conosciuti, gli equinozi, i mesi e i giorni della settimana. La funzione di alcuni quadranti non Ŕ stata ancora ben chiarita. Per farlo funzionare bastava girare una piccola manovella.
  • Con pochissime modifiche avrebbe potuto funzionare come un calcolatore matematico. Infatti, la sua logica di funzionamento, che era di molto superiore a quella degli orologi automatici ad acqua di quel tempo, sarÓ la stessa dei calcolatori meccanici che verranno costruiti prima di quelli elettronici.

  • Nel 1902, presso il relitto di una nave, rinvenuto presso l'isola di Anticitera, tra il Peloponneso e Creta, furono trovati dei frammenti di rame fortemente corrosi, che apparivano i resti di un congegno di orologeria con complicati ingranaggi. Il meccanismo risale alla prima metÓ del I sec. a.C., ma il congegno apparve talmente diverso da qualsiasi oggetto noto risalente all'antichitÓ classica, che alcuni studiosi sostennero che dovesse trattarsi di un moderno orologio, affondato casualmente nel luogo del relitto.
  • Le iscrizioni sui frammenti, leggibili solo in parte, mostrano come il congegno riguardasse i moti del Sole e della Luna. Secondo la ricostruzione di Price, il meccanismo costituiva una sorta di calendario perpetuo, che permetteva di calcolare le fasi della Luna, passate e future. A questo scopo, un complesso ingranaggio trasferiva il movimento da una ruota, che rappresentava il ciclo solare, a un'altra che indicava le rivoluzioni siderali della Luna, secondo il rapporto di 254 rivoluzioni siderali della Luna ogni 19 anni solari.
  • Dal punto di vista tecnologico, sono due le caratteristiche salienti del meccanismo. La prima Ŕ la complessitÓ degli ingranaggi, che producono il rapporto desiderato, 254:19, con l'impiego di una ventina di ruote dentate. E' questa complessitÓ che fa classificare l'oggetto tra i "lavori di orologeria". La seconda caratteristica Ŕ la pi¨ notevole ed Ŕ la presenza di un differenziale, cioŔ di un meccanismo che permette di ottenere una rotazione di velocitÓ pari alla somma o alla differenza di due rotazioni date. La funzione del differenziale era quella di mostrare, oltre ai mesi lunari siderali, le lunazioni, ottenute sottraendo il moto solare al moto lunare siderale.
  • Price arriva alla conclusione che la presenza di questo singolo oggetto di alta tecnologia Ŕ sufficiente per modificare le nostre idee sulla civiltÓ classica e smentire definitivamente i luoghi comuni sul disprezzo dei Greci per la tecnologia e sull'insuperabile solco che l'istituzione della schiavit¨ avrebbe creato tra la teoria e le scienze sperimentali ed applicative.

it.wikipedia.org/wiki/Macchina_di_Anticitera

www.astronomia.com/2008/08/05/la-macchina-di-anticitera/


Web Homolaicus

Enrico Galavotti - Homolaicus - Sezione Scienza -  - Stampa pagina
Aggiornamento: 23/04/2015