PER LA RIFORMA DELLA SCUOLA
pubblica laica territoriale


UNA MOSCA CURIOSA

Ero una mosca curiosa e sempre affamata. Ma in quel tempo erano tutti affamati, perché c'era una gran crisi. La gente mangiava di tutto, escluse le mosche ovviamente, altrimenti ora non sarei qui a parlare della mia esperienza.

Un giorno presa dalla fame e da una indicibile curiosità, riuscì a entrare in un cassetto aperto della cucina. C'erano poche cose dentro e una, in particolare, mi colpì. Era un bicchiere con un'etichetta colorata. Il vetro era trasparente e lasciava vedere qualcosa di scuro, simile a un'altra cosa che io frequento molto spesso, perché me ne nutro.

Il tappo del bicchiere era bianco e, per fortuna, non era stato chiuso molto bene. Sicché, senza neanche tanto sforzo, riuscì a entrarci dentro e, piano piano, arrivai verso il fondo. Dal profumo che emanava non sembrava proprio quella cosa che ben conosco. Aveva un che di dolce-amaro che mi attirava molto.

Provai a sentirne un po' e devo dire che mi piacque subito. Strano, perché noi mosche siamo abbastanza schizzinose: ci piace soprattutto la merda, anche se non disdegniamo la spazzatura, i cibi avariati e in genere le cose putrefatte.

Fatto sta che dopo averne sentita un po', ci provai gusto e, visto che non mi faceva alcun male, andai all'arrembaggio e cominciai a divorarmi tutto il vasetto. Ero diventata come ubriaca. Non solo le zampe, ma anche le ali, la testa, tutto il corpo era impiastricciato di quella sostanza color merda.

Avevo la pancia piena, non mi ero mai sentita così bene, così felice. Avevo completamente dimenticato la fame che attanagliava le persone fuori del bicchiere. Ero come stordita: sarei voluta rimanere lì per sempre.

Ad un tratto però vidi dal vetro del bicchiere una mano entrare nel cassetto: una mano maschile, tutta pelosa da far ribrezzo, che si dirigeva verso di me. La mano prese il bicchiere, aprì il tappo e un gigantesco occhio mi guardava dall'alto. Siamo rimasti così per qualche secondo: io guardavo lui, lui guardava me.

Improvvisamente fece una cosa che non mi sarei mai aspettata: infilò due dita nel bicchiere e cercò di prendermi. Per me era impossibile fuggire, anche perché avevo le ali appesantite da quella leccornia color merda.

E così lui mi prese, mi avvicinò alla sua bocca e, con mia grande sorpresa, l'aprì. Pazzesco: stava per mangiarmi! Gli uomini non l'avevano mai fatto. Tutta ricoperta di cioccolata, ero diventata per lui una leccornia.

Prima che arrivassi a toccare la sua lingua, riuscì a fare una cagatina, per fargli capire, in extremis, ch'ero un essere schifoso, un animale immondo. Ma fu tutto inutile: quello non riuscì a distinguere la cioccolata dalla mia cagatina e mi divorò senza neanche masticarmi.

Il caso poi volle che il suo stomaco non riuscì a digerirmi ma mi spinse, così com'ero, nel suo intestino, finché poi venni espulsa dal suo corpo, insieme a quella cosa che a me piace molto.

Ora indovinate da dove vi scrivo queste cose. E' un paradiso terrestre: il profumo della mia libertà.

LA MOSCA E IL RAGNO

Una mosca amava volare tutto il giorno. Non si stancava mai. Siccome era molto curiosa, si appoggiava su qualunque cosa e con la sua proboscide annusava tutto. Voleva farsi molta esperienza.

La madre le aveva detto di stare attenta al ragno, ma la curiosità era troppo forte.

Un giorno vide che la tela del ragno era piena di goccioline perché aveva piovuto. Le sembrava bellissima e vi si appoggiò sopra. Stava per bere una gocciolina quando da dietro l'afferrò una zampetta. Le prese un incredibile spavento e, mentre cercava di scappare, un contadino, col suo trattore, passò di lì e distrusse la tela del ragno.

La mosca riuscì a scappare e il ragno rimase ucciso.

Morale: rischiare una volta va bene, ma non riprovarci.


Web Homolaicus

Enrico Galavotti - Homolaicus - Sezione Formazione
 - Stampa pagina
Aggiornamento: 24/04/2015