TEORIA
Etica Filosofia Antropologia Pedagogia Psicologia Sociologia Ecologia Logica Ateismo...


STORIA DELL'ANTROPOLOGIA CULTURALE

CECILIA GATTO TROCCHI

“Capii che la storia della cultura è una catena di equazioni in immagini che a coppie connettono il noto con l’incognita, che l’elemento noto e constante è una leggenda posta a fondamento della tradizione e che l’incognita ogni volta ritrovata, è il momento attuale della cultura”
(Boris Pasternak, Il salvacondotto)

La cultura occidentale ha sempre fatto tesoro del pensiero “selvaggio”: da Erodoto ai giorni nostri, l’altrove è stato il luogo della riflessione e della contestazione dell’Occidente. Il primitivo ha turbato i sogni dell’uomo “civile” fin dalla notte dei tempi ed è stato visto a volte come inquietante e barbara naturalità, a volte come essere innocente e sapientissimo. L’esotismo ha preceduto la conoscenza scientifica dell’altro, del selvaggio, sviluppando miti ancora oggi riproposti.

Un punto chiave dell’impianto logico-metodologico dell’antropologia è che ogni fenomeno culturale è di una complessità irriducibile e non può essere decodificato con modalità semplicistiche ed unilaterali (ad esempio solo economiche o inconsce o politiche) ma tenendo conto delle inter-relazioni costanti.

Le origini dell’antropologia

Si è soliti far iniziare la riflessione antropologica con le Storie di Erodoto, nato ad Alicarnasso intorno al 484 a.C. e morto ad Atene intorno al 425 a.C.. Erodoto è considerato il fondatore della storia, della geografia e dell’antropologia, in quanto descrive nelle sue Storie i costumi, le tradizioni, le religioni, le abitudini di moltissimi popoli dell’antichità, con cui in parte era venuto direttamente in contatto. A lui dobbiamo implicitamente i due concetti fondamentali di “etnocentrismo” e di “relativismo culturale”.

L’etnocentrismo considera la propria cultura come superiore alle altre per modi, stili, abitudini e tradizioni. Tale posizione è diffusa in tutte le etnie e tra i più diversi popoli, basterebbero i nomi di alcuni gruppi per dimostrare tale fatto. La maggior parte delle etnie infatti si autodefinisce come “popolo degli uomini”, escludendo automaticamente dall’umanità gli altri gruppi diversi dal proprio. Così i Cheyenne chiamavano se stessi “gli uomini”, mentre i Dakota erano da loro chiamati “volpi” (Sioux). I Bantu sono “uomini”, e così Masai vuol dire “uomini guerrieri”, mentre gli Inuit sono “uomini cacciatori”, e gli indios Yanomami sono “gli uomini” per antonomasia. L’idea del centro assoluto della propria etnia appare in maniera macroscopica nella cultura cinese: il Celeste Impero, Chin, è “il centro” dell’universo.

Erodoto propone delle riflessioni che definiscono il relativismo culturale, ovvero la pluralità e le differenze tra stili di vita, ideologie e culture. Egli descrive sommariamente gli usi funerari degli indiani Galati, dicendo che è loro costume piangere il morto, disporlo sopra un tavolo su un bianco sudario, continuare i pianti e le lamentazioni, e poi cibarsi del corpo del morto per introiettare la sua forza e la sua anima. Questa usanza fa orrore a un greco, il quale come abitudine funeraria costruisce una catasta di legno, vi pone sopra il corpo del defunto, e brucia il tutto mentre organizza giochi ginnici intorno alla pira per onorare lo spirito del defunto, così come fece Achille per venerare Patroclo morto. Erodoto continua considerando che anche a un indiano galata farebbero orrore gli usi funerari dei Greci, che bruciano e disperdono il corpo del defunto.

Da queste considerazioni possiamo ricavare due idee-guida: da un verso Erodoto mette in risalto la differenza delle usanze funebri, dall’altro ribadisce che in ogni società esistono modalità per segnare, marcare e sacralizzare il passaggio dalla vita alla morte. Abbiamo da un lato l’universalità delle usanze funerarie, dall’altro la particolarità specifica delle loro modalità. La curiosità naturale di Erodoto nei riguardi di usi, costumi e atteggiamenti culturali di altri popoli va di pari passo con l’affermazione della grandezza della Grecia, soprattutto per quanto riguarda le guerre persiane.

La Grecia si trovò a fronteggiare la più difficile prova militare, che rischiava di travolgere completamente l’Ellade, per farne una provincia sottomessa dell’impero persiano. Malgrado Erodoto sia stato considerato filobarbaro, perché valorizza e considera in maniera positiva le tradizioni culturali di altri popoli, occorre non dimenticare che, descrivendo la grandezza, la potenza e l’organizzazione dei Persiani, mette in risalto per contrasto il valore e la virtus dei Greci, che sconfissero un avversario così potente, numeroso e organizzato. Egli stesso rammenta la stele che a Maratona fu innalzata per gli eroi, in cui si legge: “qui diecimila valorosi vinsero un esercito di un milione di nemici”.

In epoca romana l’esigenza di conoscere i popoli diversi fu necessaria per organizzare l’amministrazione dell'impero. Dalla caduta di Cartagine (intorno al 146 a.C.) Roma era alla testa di un impero immenso di cui ignorava quasi tutto. Rapidamente la sua metodica amministrazione permise di raccogliere informazioni su vari paesi soggetti e su quelli che intendeva assoggettare. Lo stesso De bello gallico di Giulio Cesare è denso di considerazioni sulla cultura, la religione, gli usi e i costumi dei Galli.

Con l’affermarsi del cristianesimo si determinò “un modo relativamente nuovo di intendere i diversi rispetto alla filosofia greca”; un modo che sottolineava “l’universalità della natura umana di fronte a Dio. Questa posizione metteva in crisi la distinzione fra popoli civili e popoli barbari” (Tullio-Altan, 1971, 22).

La modalità della ricerca etnoantropologica greco-romana fu raccolta dagli Arabi, anch’essi desiderosi di conoscere i popoli che, attraverso la loro diaspora vittoriosa, andavano islamizzando. Masudi, intellettuale arabo, viaggiò in Africa, in India, in Madagascar e raggiunse la Cina, scrivendo le sue notazioni etnoantropologiche nell’opera che porta il titolo I prati d’oro.

Ibn Khaldum (1332-1406) affrontò non solo la descrizione di popoli e costumi diversi, ma problemi come i rapporti tra ambiente naturale, razza, tecniche e generi di vita, temi che verranno riconsiderati solo alla fine del XIX secolo.

In Europa intanto mercanti e missionari prevalentemente italiani furono i primi “artigiani” della tecnica antropologica. Giovanni del Pian del Carpine (1182-1251) viaggiò tra i Mongoli e si spinse fino al Karakorum, lasciando una Storia dei Mongoli che offre una descrizione delle popolazioni mongoliche estremamente accurata.

I mercanti ebbero in Marco Polo chi li rappresentò in modo brillante con il famosissimo testo Il Milione. Marco Polo visitò la Cina, l’India, il Giappone e visse a lungo al servizio di Kubilay Khan, signore mongolo della Cina tra il 1270 e il 1290.

Le nuove scoperte geografiche, in particolar modo quella delle Americhe, aprirono uno spazio sconfinato all’analisi e alla descrizione di popoli altri e diversi. La colonizzazione distrusse molte culture, ma contemporaneamente ci fu chi reagì contro questi disastri, e pazientemente raccolse tradizioni e costumi dei popoli delle Americhe.

Padre Bartolomeo de las Casas (1474-1566) offre una testimonianza polemica della colonizzazione spagnola scrivendo Storia apologetica degli Indiani, in cui difende i nativi dalla deculturazione e dall’invasione europea. Allo stesso modo Garcilao de la Vega, storico ispano-peruviano redasse un testo sulla cultura degli Incas, pubblicato intorno al 1610, mentre il gesuita Giuseppe d’Acosta redasse in Perù la Storia naturale e morale delle Indie.

Il Settecento fu l’epoca delle grandi spedizioni organizzate con impegno da specialisti nei vari rami della botanica, della zoologia, della geografia e della medicina. Nel Settecento si completò la scoperta delle terre non conosciute con le spedizioni in Oceania, in cui primeggiò il capitano James Cook, che ci lasciò un resoconto del suo viaggio nell’Oceano Pacifico. Come è noto, Cook fu ucciso dagli hawaiani, durante una complessa situazione in cui il capitano fu scambiato per il dio locale Lono. Il Settecento fu il secolo delle grandi scoperte geografiche e contemporaneamente della passione per l’esotismo.

Può sembrare azzardato individuare nell’esotismo dell’età moderna la spinta “sentimentale” che portò alla complessa, vasta e contraddittoria elaborazione della scienza etnoantropologica. L’interesse nei riguardi di paesi lontani e primitivi, di terre solari dove eterna è la primavera, o dell’Oriente voluttuoso e cruento, si può dire comune ai pensatori dell’inizio del Settecento e del periodo romantico.

Non a caso Montesquieu nelle sue Lettere persiane (1721) si servì di un persiano come protagonista di dialoghi che criticavano la società del suo tempo. La civiltà europea appariva al persiano “illuminista” arbitraria, convenzionale e fortuita in confronto ai costumi e ai modi di vita della sua civiltà esotica. Rousseau stimolava i suoi contemporanei, come ricorda Lévi-Strauss, a intraprendere un viaggio nel mondo delle culture altre e diverse, e poi solo dopo aver compiuto tali esperienze riproporre l’interpretazione della morale e della politica.

Rousseau nell’Essai sur l’origine des langues affermava: “Quando si vogliono studiare gli uomini bisogna guardare vicino a sé; ma per studiare l’uomo bisogna imparare a guardare lontano; bisogna anzitutto osservare le differenze per poter poi scoprire le proprietà” (Lévi-Strauss, 1967, 87). Ardua cosa è il determinare il padre fondatore di una nozione, di un concetto o di una corrente di pensiero.

Non vi è dubbio che il nome di Rousseau si lega in forma paradigmatica al mito del buon selvaggio. L’uomo naturale fu il paragone continuo che Rousseau propose contro l’uomo artificiale e sociale. La sua convinzione era che la società avesse inferto all’umanità le più profonde ferite, e che i mali derivassero dalle organizzazioni politiche. I selvaggi servivano a Rousseau nella sua polemica contro lo Stato assolutista e feudale e contro l’intera tradizione. L’interesse degli illuministi non era di identificare le reali condizioni di vita dei popoli, quanto di contestare le condizioni della loro stessa società, che veniva criticata sulla base del mito di uno stato selvaggio in cui l’uomo era originariamente felice.

Il mito si alimentò al di fuori delle reali esperienze etnografiche, che erano piuttosto patrimonio di pochissimi ricercatori. Secondo Giuseppe Cocchiara il primo documento dell’etnologia moderna è l’opera di un dotto gesuita, Jean-François Lafitau, che nel 1724 pubblicò Les moeurs des sauvages ameriquains, comparées aux moeurs des premiers temps.

L’opera ricevette dai contemporanei illuministi un’accoglienza contraddittoria. Essa non è citata da Montesquieu, che pure amava ricercare nella letteratura etnografica delle note e degli stimoli per le sue interpretazioni politiche e sociali, mentre Lafitau è citato ironicamente da Voltaire, il quale afferma: “Lafitau fa venire gli americani dagli antichi greci ed ecco le sue ragioni. I greci avevano le loro favole e anche gli americani le hanno. I primi greci vanno a caccia e gli americani fanno lo stesso. I primi greci avevano gli oracoli e gli americani hanno i maghi. Si danzava durante le feste della Grecia e si danza in America. Bisogna convenire che queste ragioni sono convincenti” (Cocchiara, 1971, 116).

L’opera di Lafitau è veramente come Voltaire la dipinge? Leggendo il testo si scopre un etnografo attento che dimostra come il mondo dei selvaggi non sia costituito da bizzarrie, ma da uomini concreti dotati di cultura (Gatto Trocchi, 1999, 19). Prima del Lafitau il primitivo non era stato studiato ma “inventato”. Per uno studio approfondito, la conoscenza delle lingue locali era l’assoluta e necessaria strumentazione per comprendere il modo di pensare, gli usi, i costumi e le tradizioni dei popoli. Lafitau era arrivato alla padronanza della lingua urone e di alcuni dialetti irochesi prendendo lezioni da un dotto confratello, vissuto in Canada per più di sessant’anni, Julien Garnier, che conosceva la lingua algonchina, la urone e cinque dialetti irochesi.

I nativi americani vengono studiati nelle loro istituzioni sociali, politiche, giuridiche, religiose. L’autore scopre la fede in un Grande Spirito o Essere Supremo, accanto ad un pantheon decisamente politeistico. I nativi americani non venerano i fenomeni naturali, bensì identificano nei fenomeni naturali l’espressione e la manifestazione di potenze immateriali, spirituali e divine. Di particolare importanza è l’analisi che compie Lafitau dei “vagabondaggi dell’anima” nell’ambito delle culture irochesi: “l’anima per gli americani è ben più indipendente dal loro corpo che non sia la nostra e gode maggiore libertà. Essa si separa dal corpo per prendere l’avvio e fare delle escursioni dove vuole. I grandi viaggi non l’impressionano; essa si trasferisce nell’aria, passa i mari, penetra nei luoghi più incredibili. Essi [i selvaggi] si persuadono che effettivamente la loro anima, vedendo il corpo immerso nel sonno, ne approfitti per andare a passeggio, dopo di che ritorna nella sua dimora. Al loro risveglio credono che l’anima ha vissuto realmente ciò che è passato nei loro sogni e agiscono di conseguenza” (cit. in Cocchiara, 1971, 119).

Lafitau mette in evidenza la rigida organizzazione sociale irochese e urone, entro la quale i capi sono considerati come padri dei loro popoli e applicano una rigorosa giustizia. L’organizzazione sociale si fonda su particolari relazioni di parentela espresse dalle nomenclature: “Bisogna sapere che presso gli irochesi e gli uroni tutti i ragazzi di una tribù considerano come loro madri tutte le sorelle delle loro madri e come loro zii tutti i fratelli delle loro madri; per la stessa ragione essi danno il nome di padri a tutti i fratelli dei loro padri... Tutti i ragazzi che discendono dalla madre e dalle sue sorelle, dal padre e dai suoi fratelli si considerano tra loro come fratelli e sorelle ma considerano cugini i figli dei loro zii e delle loro zie vale a dire i figli dei fratelli delle loro madri e delle sorelle dei loro padri, benché sia identico il grado della loro parentela. Alla terza generazione tutto ciò cambia: gli zii e le zie dei genitori diventano nonni e nonne” (cit. in Cocchiara, 1971, 120).

L’autore contesta la letteratura esotica prescientifica che aveva sostenuto l’esistenza di popoli che non hanno religione, né usi politici, né strutture sociali: “Io ho visto a malincuore come coloro che nelle loro relazioni si occupano dei selvaggi, dipingerli come persone che non hanno nessun sentimento di religione, nessuna conoscenza del divino, un qualche oggetto cui si renda un culto, come gente che non ha né leggi, né disciplina esteriore, né forma di governo, in una parola come uomini che hanno dell’uomo soltanto la figura. E’ questo un errore di cui sono responsabili molte persone” (cit. in Cocchiara, 1971, 118).

Lafitau descrive e interpreta le organizzazioni sociali, le strutture di parentela, le rappresentazioni collettive di tipo religioso, il culto, il pantheon delle divinità, gli usi matrimoniali e funerari, utilizzando l’osservazione partecipante, la scrupolosa descrizione delle culture locali, e infine la comparazione con altre forme culturali. L’opera di Lafitau è citata ripetutamente da Giambattista Vico, che si opponeva all’Illuminismo antitradizionalista. La Scienza nuova fa tesoro delle prospettive di Lafitau, che cita varie volte.

Anche Vico considera le culture umane senza pregiudizi né divisioni tra nazioni civili e genti barbare, in quanto la storia comprende le nazioni tutte. Ogni etnia ha una qualche religione, tutte le genti contraggono matrimoni solenni, tutte seppelliscono i loro morti. Egli vede, al di sotto dell’orgia della discontinuità e della difformità di istituzioni, usi e tradizioni, una regolarità e una uniformità che riferisce allo spirito umano.

L’espressione non deve sembrare troppo antiquata, perché due secoli più tardi Claude Lévi-Strauss riferirà all’esprit humain le caratteristiche universali, le regole che presiedono alla formazione della cultura, del linguaggio, delle strutture di parentela e della circolazione dei beni economici. Lo strutturalismo altro non è che scoprire ricorrenze e regolarità di tipo scientifico in quelle articolazioni dello spirito umano sottoposte a un automatismo inconsapevole, che rappresentano i procedimenti universali del pensiero.

Per Lafitau la presenza della religione era un dato forte per affermare la necessaria esistenza di una civiltà. La comparazione che Lafitau intraprende tra i costumi dei popoli indigeni dell’America e quelli del mondo antico è un tentativo di dare dignità e civiltà ai cosiddetti selvaggi. Egli tentò non solo di descrivere i fatti culturali, ma anche di collegarli tra di loro in una struttura d’ordine che fosse comprensibile e che proponesse delle esplicazioni. La comparazione con il mondo classico era dettata dal desiderio di collocare religioni primitive e religioni storiche in un unico regno spirituale.

Lafitau formulò e applicò alcuni principi che sono diventati le basi dell’etnologia. Le culture primitive erano valutate alla luce delle condizioni in cui si erano sviluppate, e non in rapporto allo sviluppo delle culture europee. Egli affermava che solo da specifiche analogie si potevano dedurre relazioni genetiche: le culture primitive contemporanee gettavano luce su quelle antiche e viceversa. Le convinzioni di Lafitau si basano sull’intuizione del concetto di relativismo culturale.

Tra i pionieri dell’etnoantropologia occorre ricordare una società di filosofi francesi che si istituì alla fine del Settecento: la Société des Observateurs de l’homme, fondata nel 1799. Questa associazione di studiosi propose una serie di modalità per intraprendere lo studio delle culture altre e diverse: sottolineò la necessità dell’osservazione partecipante e cominciò a formulare il concetto differenziale di cultura, che prevede modalità diverse di organizzazione della conoscenza, delle istituzioni, degli usi e dei costumi.

Un caso interessante studiato dalla Société fu quello del bambino selvaggio dell’Aveyron. Si trattava di un adolescente ritrovato nel 1800, che aveva vissuto nei boschi allevato dai lupi. Il ragazzo fu al centro di vaste discussioni, e fu affidato a un medico, Jean Itard, che lo trattenne con sé diversi anni tentando un’opera di rieducazione. Il ragazzo, estremamente sensibile, non riuscì a integrarsi completamente, la sua personalità aveva subito fin dall’inizio l’assenza di stimoli umani. Non imparò completamente l’uso del linguaggio articolato, mentre aveva grande disposizione per la musica e interesse per l’aritmetica. Il suo caso stimolò ampie discussioni sul rapporto tra cultura e personalità umana, tra condizionamento culturale e sviluppo psichico nel processo di crescita e di formazione.

Lo sviluppo del pensiero antropologico

Lo studio scientifico delle società umane e delle loro culture nacque nella seconda metà dell’Ottocento, in quell’atmosfera mista di ottimismo e disperazione che era dominata dalla filosofia positivista, dalla teoria dell’evoluzione di Darwin e dai trionfi del colonialismo. Oggetto di studio per i primi antropologi non fu una determinata società o cultura, bensì la totalità della cultura umana nella sua estensione temporale e spaziale. Si trattava di immani storie universali, che saranno definite da Radcliffe-Brown come “storie congetturali”.

Il problema che ossessionava gli antropologi evoluzionisti era il problema delle origini, e le domande che si ponevano erano: qual è l’origine della religione, della famiglia, delle strutture economiche? Si impose un modello generalizzato che vedeva degli stadi e delle tappe nello sviluppo della civiltà. Questo modello veniva in qualche modo a influenzare persino l’antropologia fisica e l’evoluzionismo, infatti correnti di reciproci influssi vanno dalla visione socioculturale alla visione biologica dell’evoluzione umana. Attualmente ambedue i modelli evoluzionisti, quello biologico e quello socioculturale, sono stati ampiamente criticati e messi in discussione come ingenui o addirittura faziosi (Sermonti, 1987, 15; Bowden, 1982,15; 1991, 27).

Secondo le teorie di Spencer come nel mondo sociale è possibile rilevare un’evoluzione dalle organizzazioni semplici a quelle più complesse, e un progresso dei sistemi sociali nei settori economici, politici e religiosi, così nel mondo naturale è possibile osservare una differenziazione delle specie e un miglioramento costante nella capacità di adattamento all’ambiente.

L’evoluzionismo resta impigliato in un paradosso, da una parte vede un percorso migliorativo, caratterizzato dal procedere inarrestabile della civiltà, e dall’altra propone una visione deterministica che grava sull’essere umano a vari livelli: biologico, tecnologico, economico e psicologico. L’evoluzione “verso le magnifiche sorti e progressive”, per dirla con il Leopardi, sarebbe contrastata dai condizionamenti di queste varie sfere della realtà umana. In un mondo dominato dall’idea della produzione economica, della proprietà privata, della famiglia monogamica e della morale ottocentesca rigorosa, si intravidero nelle società selvagge modalità diverse che suscitarono un interesse a dir poco eccezionale, come sistemi di scambio cerimoniale, proprietà collettive, poligamia, tabù, cannibalismo.

Attraverso le ricostruzioni fantasiose dei primi evoluzionisti, si creò un’immagine del primitivo del tutto mitica, caratterizzata dalla magia e dalla stregoneria, dalla promiscuità sessuale, dal matriarcato con conseguente poliandria arcaica, dal comunismo primitivo, dal rapimento della sposa, dalla propensione agli stati alterati di coscienza, al punto che questo mitico primitivo era visto vivere come in un lungo sogno. Tali configurazioni erano erronee, e saranno puntualmente contestate dagli antropologi successivi. L’evoluzionismo giustificò il razzismo e le guerre coloniali, in quanto i popoli civili dovevano imporre il progresso ai popoli arretrati e selvaggi.

Il giurista statunitense Lewis Morgan (1818-1881) nel testo La società antica fece proprio il modello evoluzionista, affermando che l’intera specie umana aveva attraversato tre fasi (selvaggia, barbara e civile), ulteriormente tripartite in tre periodi (antico, medio e recente). La possibilità per le varie società umane di entrare nell’una o nell’altra delle caselle proposte da Morgan dipendeva da un’invenzione tecnologica: l’agricoltura permette il passaggio dallo stato selvaggio a quello barbarico, l’industria e il commercio permettono il passaggio alla civiltà. Il cammino dell’evoluzione è rappresentato dalla tecnologia, che condiziona la politica, le strutture di parentela e le trasformazioni della proprietà.

L’opera di Morgan influenzò profondamente il lavoro di Engels, L’origine della famiglia, della proprietà privata e dello Stato (1884), per cui ebbe una vasta risonanza. Nell’opera di Morgan troviamo errori clamorosi nella collocazione di gruppi umani in periodi più o meno selvaggi o più o meno barbarici. Queste collocazioni sono arbitrarie, nascono da scelte personali di Morgan. La parte più interessante della sua opera è quella che riguarda la descrizione delle terminologie di parentela, entro cui elabora concetti divenuti celebri come la distinzione tra le terminologie descrittive e quelle classificatorie, matrilineari e patrilineari, esogamia ed endogamia.

Morgan minimizza l’importanza della poliandria, l’unione di più uomini con una donna sola, che era stata invece la base di un testo fondamentale che pure ha influenzato notevolmente l’antropologia e le successive ideologie femministe. Si tratta di Das Mutterrecht del giurista svizzero J.-J. Bachofen, pubblicato nel 1861 (e tradotto come Il matriarcato), in cui l’autore ripropone l’ipotesi, comune a numerosi evoluzionisti, di una promiscuità primitiva, stadio in cui i rapporti sessuali non erano regolati da nessuna norma.

Dopo questa fase, secondo Bachofen, sarebbe nato il riconoscimento della maternità, e di conseguenza il potere femminile e il matriarcato. Successivamente gli uomini avrebbero rivendicato la loro capacità procreativa e sarebbe sorto il patriarcato. Malgrado tale modello si sia rivelato assolutamente insostenibile, l’idea di un matriarcato primitivo continua a influenzare l’immaginario collettivo.

L’autore evoluzionista che mitigò i modelli più rigidi fu Tylor. Egli pubblicò nel 1871 Cultura primitiva, studio articolato sullo sviluppo delle idee religiose. Tylor ha formulato un concetto di cultura che include le conoscenze, le credenze, l’arte, la morale, il diritto, il costume e qualsiasi altra capacità o attitudine acquisita dall’uomo in quanto membro di una società. Questa definizione diventata proverbiale afferma che la cultura si ritrova ovunque in ogni popolo, anche il più selvaggio, che è un insieme complesso e che ha la caratteristica di essere acquisita.

Tylor tenta di rintracciare l’origine delle forme religiose, e pensa di scoprirle nell’animismo, ovvero nella credenza nelle anime e negli esseri spirituali in genere. Secondo Tylor l’uomo avrebbe avuto fin dall’inizio la percezione di un dualismo corpo-anima nel suo stesso essere. Nei sogni, nello stato di trance, nello stato di malattia o di delirio, è comune la percezione di esperienze spirituali compiute mentre il corpo giace inerte o nel sonno o nel delirio. Questa autonomia del livello spirituale o dell’anima ha, secondo Tylor, determinato la credenza in un mondo di esseri spirituali, da cui lentamente si sarebbe poi dipanata (in senso evolutivo) una visione più complessa della religiosità.

Anche Tylor non resiste alla tentazione di determinare fasi nello sviluppo della religione, fasi che comprendono il manismo (culto dei defunti), il feticismo (culto dei feticci o di oggetti ritenuti sacri), il politeismo e infine il monoteismo.

Un antropologo che influenzò notevolmente la cultura del tardo Ottocento e dell’inizio del Novecento fu James G. Frazer, autore de Il ramo d’oro. Studio sulla magia e sulla religione che uscì in una prima edizione nel 1890. Frazer avanzava l’ipotesi secondo la quale magia, religione e scienza avrebbero costituito fasi dello sviluppo intellettuale dell’uomo .L’antropologo sosteneva che la magia rappresentava un tentativo da parte dell’uomo di controllare la natura attraverso rituali, e caratterizzava una fase primitiva di confusione e di ignoranza. In una seconda fase alcuni uomini, visto l’insuccesso dei rituali magici, avrebbero pensato di implorare e venerare potenze divine immateriali, immanenti nella natura.

Questo avrebbe portato alla nascita della religione con i suoi funzionari, i sacerdoti, mediatori fra l’uomo e le potenze superiori. Successivamente gli esseri umani si sarebbero resi conto della futilità delle loro posizioni, e avrebbero abbracciato la scienza e la razionalità come unico modello per interpretare la realtà.

Al di là di questo schematismo (che pure è presente come modello fondante dell’opera di Frazer) il testo, in dodici volumi, ebbe un’influenza notevolissima soprattutto nella cultura anglosassone. L’autore studia una grande quantità di miti, approfondisce i concetti di “totemismo” e soprattutto il “sacrificio del re divino”. Inizia il suo percorso nel bosco di Nemi, dove esisteva un’antichissima tradizione ancora viva durante l’impero romano, secondo la quale il “re del bosco” o sacerdote della dea Diana poteva essere sostituito solo tramite un duello in cui soccombeva: chiunque poteva sfidare il re del bosco, ucciderlo e prendere il suo posto. Questo antichissimo rituale è stato da Frazer collegato all’uccisione del re divino nelle monarchie africane, uccisione che legava la figura del re alla fecondità della terra, degli uomini e dell’intera natura.

Mentre i singoli elementi culturali, i miti, le leggende, i rituali che Frazer cita sono ancora di notevole interesse, il modello costitutivo, la cornice evoluzionista in cui è posto il materiale è da contestare. Sia detto di sfuggita che mentre Frazer componeva la sua opera relegando la magia in epoche oscure e tenebrose del pensiero umano selvaggio, nella stessa Inghilterra nascevano gruppi magici estremamente vivaci che praticavano rituali occulti per trasformare la natura secondo i loro voleri. La più nota di queste sette a sfondo magico era la “Golden Dawn”, alla quale furono iniziati personaggi di grande spicco sia culturale che politico. Dunque nella Londra post-vittoriana, centro del sistema finanziario mondiale, esistevano nuclei estremamente vivaci di antichissima magia “selvaggia e primitiva” (Gatto Trocchi, 1998, 147).

L’evoluzionismo perse egemonia in seguito alle accurate critiche di Franz Boas, che pubblicò nel 1896 un celebre saggio dal titolo I limiti del metodo comparativo dell’antropologia, che è una contestazione radicale delle tesi evoluzioniste. Nel saggio Boas nega qualsiasi valore allo sforzo di costruire una storia sistematica e uniforme dell’evoluzione della cultura.

Per dimostrare la fragilità teorica degli evoluzionisti Boas portò centinaia di esempi relativi alla differente origine dei fenomeni culturali. Gli evoluzionisti erano convinti che il totemismo fosse nato dall’associazione di più famiglie entro un più ampio clan, che aveva scelto come antenato mitico un animale. Boas mostrò che il totemismo e la scelta del totem nascono in situazioni esattamente contrarie, consistenti nella scissione di tribù molto numerose in segmenti meno ampi come i clan, che si scelgono, una volta separati, un totem come antenato mitico.

Quando si postulava la priorità della discendenza matrilineare su quella patrilineare, Boas mostrò come tra gli Indiani della costa americana del Pacifico fosse accaduto esattamente il contrario. Franz Boas fondò la scuola antropologica statunitense. Fu specialista di geografia, linguistica, scienze naturali, archeologia e studiò a fondo i nativi americani con spedizioni sul campo. Raccolse un’enorme quantità di dati etnologici riguardanti usi, costumi, arte mitologia, rituali degli Indiani della costa settentrionale del Pacifico. Fu attento osservatore dei fatti sociali, ed evidenziò la dimensione storica dei fenomeni culturali.

Franz Boas fu nemico di ogni teorizzazione estrema. Studiò in particolare i fatti umani concreti, le lingue e la mitologia, raccogliendo una vastissima massa di dati. Egli sostenne che un fenomeno culturale, anche se compare in varie culture, può avere ragioni e motivazioni totalmente diverse, confutando le generalizzazioni degli evoluzionisti. Descrisse il potlatch, un complesso cerimoniale di ostentazione di ricchezza realizzato in grandissime feste, in cui un capo decide di sommergere gli avversari con fastosissimi banchetti, regali e distribuzione di beni. In tale pratica si nasconde l’idea di ottenere una supremazia attraverso la generosità e la fastosità. I rivali vengono superati nel potlatch attraverso l’esibizione della potenza economica, la consumazione e la distribuzione dei beni.

Malgrado l’evoluzionismo dominasse il pensiero tardo-ottocentesco, vi fu anche la corrente diffusionista, che mirava ad analizzare i fenomeni culturali in base alla loro diffusione in aree geografiche e la loro persistenza in aree storiche chiamate da Wissler “aree cronologiche e temporali”. Uno degli autori più interessanti della scuola diffusionista fu W. Schmidt (1868-1954). La sua scuola, nota anche come “scuola di Vienna”, si occupò dell’origine dell’idea di Dio e dell’antropologia religiosa. Numerosi ricercatori ed etnologi furono spinti dallo Schmidt a ricerche sul campo per analizzare le idee religiose di popoli primitivi in Africa, in Asia e nelle Americhe.

L’etnosociologia francese

La scuola sociologica francese, fondata da Durkheim, unisce gli studi sociologici ed etnologici in una visione unitaria dei popoli primitivi e dei popoli civilizzati. Il lavoro di Durkheim più prettamente etnologico è Le forme elementari della vita religiosa (1912), in cui l’autore tenta di ricostruire l’origine della religione, e di formulare una teoria generale dei fenomeni religiosi.

Secondo Durkheim la forma originaria della religione sarebbe il totemismo, visto come il sistema religioso più semplice, al cui interno agivano rappresentazioni collettive indipendenti dalla psiche individuale. Le figure di animali, di piante e di fenomeni naturali rappresentanti un determinato totem, esprimevano l’idea di forza associata simbolicamente al clan, unità sociale primordiale. L’immagine simbolica del totem altro non era che la proiezione della società nel suo insieme, per cui finiva per essere adorata, come entità suprema la società, da cui dipendono gli individui. Nella religione Durkheim vedeva fondamentalmente un fatto sociale totale, e una modalità attraverso la quale la società impone il suo potere sugli individui.

Lévy-Bruhl elaborò un sistema di differenziazione fra il pensiero dei primitivi e il pensiero degli esseri umani civilizzati. L’autore sosteneva che il primitivo fosse dotato di prelogismo, una sorta di rappresentazione mistica della realtà, in cui non esisterebbe differenza fra soggetto ed oggetto, fra io e il mondo. L’uomo primitivo vivrebbe in una sorta di partecipazione mistica con la natura che lo circonda, e sarebbe impenetrabile all’esperienza come nel caso della magia, che continua ad essere esercitata malgrado i suoi generali fallimenti.

Attraverso la teoria del prelogismo si viene a riversare sui primitivi quella irrazionalità che il pensiero occidentale tanto ardentemente allontanava dal suo stesso ambito. L’opera di Paul Radin L’uomo primitivo come filosofo fornisce numerosi esempi di pensiero organico e razionale nell’ambito delle elaborazioni primitive, smentendo il concetto di “prelogismo”.

Marcel Mauss (1872-1950), nipote di Durkheim, continuò la sintesi tra sociologia ed etnologia con il suo Saggio sul dono, in cui evidenziò la legge della reciprocità e dello scambio come regola sociale fondamentale. In Teoria generale della magia Mauss analizzò i fenomeni magici alla luce delle più recenti ricerche etnologiche. Mauss enucleò i fatti sociali totali come il dono e lo scambio basati sulle regole del “dare, ricevere, ricambiare”.

Il funzionalismo

La teoria funzionalista vede il suo principale rappresentante in Bronislaw Malinowski (1884-1942). La scuola funzionalista privilegia la ricerca sul campo e l’osservazione diretta dei fenomeni culturali.

Malinowski infatti visse a lungo in Melanesia, studiando la popolazione dei Trobriandesi. La sua opera Gli Argonauti del Pacifico occidentale resta un modello di monografia antropologica. Il testo inaugura una nuova epoca, in quanto l’osservazione partecipante permette all’antropologo di entrare nel cuore dei problemi culturali e di capirne il significato.

L’opera descrive la vita di villaggi melanesiani, ne esamina gli elementi culturali e si ferma a osservare una pratica di scambio rituale chiamato kula, un fenomeno di notevole rilevanza sociale che occupa un posto fondamentale nella vita tribale degli indigeni. Si tratta di uno scambio cerimoniale di collane di conchiglie rosse e braccialetti di conchiglie bianche, che circolano le prime in senso orario i secondi in senso contrario: lo scambio coinvolge isole e arcipelaghi anche lontanissimi dalle Trobriand.

Gli oggetti kula circolano in continuazione, restando nelle mani dei loro possessori solo per un periodo limitato di tempo. Essi vengono barattati nel corso di visite cerimoniali: il fenomeno ha quindi una funzione rituale che mette in luce la grande legge della reciprocità. Lo scambio di tipo cerimoniale ha la funzione di mantenere e rafforzare i rapporti fra individui e gruppi, ad esso è connesso anche lo scambio di beni economici, ancorché in maniera secondaria.

Gli studi sul campo di Malinowski fecero piazza pulita di molti luoghi comuni diffusi dall’evoluzionismo. Malinowski rigetta l’esistenza di un comunismo primitivo come caratteristico dei popoli selvaggi, e al tempo stesso rifiuta di vedere negli indigeni l’incarnazione dell’uomo economico primitivo. Egli sostiene che il trobriandese lavora spinto da motivi assai complessi di natura sociale e tradizionale, mirando a obiettivi che non sempre hanno a che vedere con l’immediata utilità. Esiste una complessità delle azioni umane, che non possono essere ridotte soltanto alla sfera economica.

Un altro luogo comune (che persiste talvolta nella mente dei giornalisti attuali) è quello della promiscuità primitiva. Malinowski sostiene che non è mai esistita questa pratica. Già nel 1913 aveva pubblicato un testo, La famiglia tra gli aborigeni australiani, in cui affermava in maniera inderogabile: “gli aspetti sessuali della vita sociale degli australiani, lungi dal possedere i caratteri della promiscuità indiscriminata, sono al contrario soggetti a strette norme, a restrizioni e a regole” (Malinowski, 1963, 123).

All’ipotesi della promiscuità primitiva Malinowski oppone elementi ricavati statisticamente, che evidenziano come la famiglia nucleare sia di gran lunga la più praticata e la più diffusa. La famiglia elementare è per Malinowski la cellula originaria della società, in quanto è il luogo della riproduzione biologica e dell’educazione culturale. Nel suo ambito è bandito l’incesto, in quanto disgregherebbe la famiglia e i rapporti che si instaurano intorno ad essa, rapporti che sono i modelli delle altre forme istituzionali.

La società risulta essere il prodotto dell’estensione dei rapporti familiari, e la pratica della esogamia, cioè lo sposarsi fuori dal proprio gruppo di parenti stretti, costruisce una rete di rapporti di affinità con membri diversi da quelli familiari. La società si sviluppa dall’estensione dei legami familiari, in quanto gli affini, cioè i parenti acquisiti, si comportano come i parenti di sangue.

Nel testo Una teoria scientifica della cultura, uscito postumo nel 1944, Malinowski elabora una teoria generale secondo la quale la cultura rappresenterebbe un complesso apparato spirituale, materiale e comunicativo, con il quale gli esseri umani risolvono problemi specifici e soddisfano bisogni fondamentali. Gli esseri umani risolvono i problemi materiali con risposte culturali: al bisogno di cibo rispondo con l’elaborazione delle strutture economiche, con le modalità degli usi culinari e delle buone maniere a tavola.

Al bisogno primario di riprodursi e all’istinto sessuale, l’essere umano risponde con l’organizzazione dei sistemi di parentela e degli scambi matrimoniali entro leggi precise e codificate. Dalle risposte ai bisogni primari nascono bisogni secondari o derivati, che coincidono con l’esigenza di organizzare e di mantenere la coesione sociale, a cui si risponde con le istituzioni politiche ed economiche. Nascono ulteriori bisogni chiamati “integrativi”, che accedono al livello del simbolico e che soddisfano altre necessità. Si tratta del linguaggio, della tradizione orale e scritta, dell’arte, delle forme mitologiche e teologiche, della religione e della magia.

L’idea fondante di Malinowski è che ogni istituzione culturale, anche la più esotica e bizzarra, assolve a una funzione specifica. Malinowski ha anche confutato la teoria di Freud circa la universalità del complesso edipico. E’ interessante notare che gli studi di Malinowski sulla famiglia australiana sono dello stesso anno (1913) in cui esce il testo di Freud Totem e tabù, che raccoglie saggi pubblicati tra il 1911 e il 1912. Si tratta di due testi in aperta contraddizione. Totem e tabù risulta essere un mito posto al di fuori del tempo e dello spazio, che racconta la leggenda di un’orda primitiva retta da un padre-padrone, che proibiva ai suoi figli l’unione con le donne

Gli aborigeni australiani che Malinowski descrive danno un’immagine totalmente diversa di primitivismo, in quanto sono sottoposti a strette norme, a restrizioni e a regole di carattere simbolico. Nelle società melanesiane a carattere matrilineare non esiste la costellazione nevrotica del complesso di Edipo, secondo il quale il bambino vorrebbe uccidere il padre e unirsi alla madre. In realtà la situazione della famiglia trobriandese presenta una totale diversità. Il padre è una figura amichevole e gentile, che non obbliga il figlio a nessuna costrizione. Tale compito è piuttosto svolto dallo zio materno che rappresenta l’ordine e la legge, e a cui il nipote è tenuto ad obbedire. Il tabù più forte non è nei confronti della madre ma della sorella, e questo starebbe a dimostrare come la legge della esogamia (sposarsi fuori dal proprio gruppo familiare) sia in realtà all’origine del tabù dell’incesto. Se un soggetto si priva dell’unione con la sorella, può dare la ragazza a un altro uomo che diventa suo cognato, e con cui stabilisce legami perenni di affinità, di mutua assistenza e di reciprocità.

Altro esponente del funzionalismo fu Radcliffe-Brown, che formulò il concetto di “struttura sociale” come rete di relazioni istituzionali tra i gruppi per realizzare l’organizzazione sociale. Gli studi di Radcliffe-Brown furono orientati sui sistemi di parentela degli australiani. In tal senso egli rivide la teoria del totemismo definendolo per ciò che esso è: una forma strutturale di organizzazione sociale.

Presso i popoli che si riconoscono discendenti da animali sacri, il mondo della vita animale è rappresentato in termini di relazioni sociali simili a quelle delle società umane. Gli animali sacri sono visti come forme simboliche che determinano una serie di scambi: mentre è impossibile mangiare la carne del proprio animale-totem, è possibile mangiare quella di un totem diverso. Tale norma potenzia gli scambi alimentari, ed esprime simbolicamente le modalità degli scambi matrimoniali: coloro che appartengono a un determinato totem non possono che sposarsi fuori del proprio clan.

Radcliffe-Brown formò un’intera generazione di antropologi tra cui Evans-Pritchard, che studiò i sistemi di pensiero legati alla magia e alla stregoneria fra gli Azande e i modelli organizzativi dei Nuer, una popolazione del Sudan. Egli formula un’interessante distinzione a proposito della magia degli Azande. La magia è vista come forma buona di azione rituale, volta a tamponare le negatività che incombono sulla vita umana. La stregoneria è invece un’azione segreta, notturna, compiuta da persone semi-mitiche che volerebbero di notte, e che causerebbero mali, disgrazie e sventure. La lotta contro la stregoneria può essere fatta solo da esseri umani che siano maghi, cioè che conoscono l’armamentario simbolico per opporsi al negativo.

Evans-Pritchard contribuì a formulare un nuovo modello delle scienze antropologiche, rivendicando la loro storicità. Egli infatti abbandonò il modello organicista tipico della scuola inglese, per sostenere che l’antropologia sociale è una sorta di storiografia, e quindi in ultima analisi di filosofia dell’arte (Evans-Pritchard, 1962, 26).

“Cultura e personalità”

L’antropologia americana dopo l’insegnamento di Franz Boas si è orientata verso una scuola nota come “cultura e personalità”, i cui principali esponenti furono Kardiner e Linton. Kardiner, psicanalista, articolò insieme a Linton, antropologo, il concetto di “personalità di base”, che risulterebbe essere quella struttura di base del temperamento che è omogenea in ogni gruppo culturale in forza di una educazione sia formale che informale dello stesso tipo.

Attraverso l’apprendimento si instaurerebbero nei soggetti modelli culturali condivisi, che renderebbero una società omogenea in forza della personalità di base. A questa scuola appartiene Ruth Benedict, che analizzò i modelli culturali di tre società primitive, gli indiani Hopi e Zuñi del Nuovo Messico, visti come “apollinei”, cioè riservati, ritualistici, tendenti all’armonia, e gli indiani delle pianure, considerati “dionisiaci” perché valorizzavano le emozioni estreme, la sregolatezza e l’aggressività.

Per la Benedict una cultura si definisce in base ai modelli ideologici che impregnano percentualmente in maniera più evidente la sua totalità. Margaret Mead intorno agli anni Sessanta analizzò soprattutto le strutture che caratterizzano l’appartenenza di genere, maschile e femminile, affermando come esse siano forme culturali che vengono plasmate dall’apprendimento precoce.

Lo strutturalismo francese

Claude Lévi-Strauss è l’esponente di spicco dell’antropologia strutturale francese. Influenzato dalla linguistica strutturale e dalla nozione del linguaggio inteso come sistema di segni, egli avvicina l’antropologia alla semiologia (scienza generale dei segni) per arrivare a una teoria generale del significato.

I campi d’indagine di Lévi-Strauss sono stati la parentela e la mitologia. Nel testo Le strutture elementari della parentela (1949) l’autore evidenzia come la proibizione che riguarda il divieto di unirsi sessualmente con un consanguineo è una regola che, unica fra tutte le regole sociali, possiede il carattere della universalità. Tale presenza universale fa omologare il tabù dell’incesto alla sfera della natura in quanto fenomeno universale, ma al tempo stesso il tabù è una regola, ed ha a che fare con il mondo culturale. Questo suo particolare carattere di essere universale, come le regole biologiche, ed essere al tempo stesso una nozione culturale, fa del tabù dell’incesto il momento logico di passaggio dalla natura alla cultura (vedi cap. 2).

Il tabù dell’incesto implica la prescrizione dell’esogamia (sposarsi al di fuori del gruppo ristretto dei parenti), presentandosi come un’espressione fondante di un sistema di comunicazione e di scambio tra gruppi. L’elemento che emerge dallo studio della parentela è la grande legge della reciprocità.

Secondo Lévi-Strauss le società organizzano sistemi di comunicazione almeno a tre livelli come la comunicazione linguistica, in cui si scambiano messaggi, la comunicazione dei beni economici, in cui si scambiano i prodotti, e il sistema degli scambi matrimoniali, in cui circolano le donne che sposandosi stabiliscono relazioni di affinità.

Nell’opera Il pensiero selvaggio (1962) Lévi-Strauss identifica nel pensiero primitivo le stesse articolazioni razionali del pensiero scientifico: non esiste un pensiero prelogico ma forme di articolazione razionale nel mito come nella matematica. L’analisi si approfondisce nei quattro volumi delle Mitologiche, testi che affrontano una serie complessa di miti legati alla scoperta e all’addomesticamento del fuoco (Il crudo e il cotto). L’invenzione del fuoco caratterizzò le distinzioni tra alimenti e fondò categorie logiche, inoltre l’acquisizione del fuoco caratterizzò il distacco tra mondo umano e divino. Per ripristinare un contatto fra il mondo umano e il mondo degli dei è necessario bruciare qualcosa come nei sacrifici o come nel consumo del tabacco (Dal miele alle ceneri). Nelle Buone maniere a tavola l’autore descrive le tradizioni culinarie ed il galateo, presente ovunque in quanto le regole caratterizzano la specie umana in quanto tale. Infine con L’uomo nudo si ripropone la tematica generale dell’acquisizione del fuoco e delle logiche ad essa sottese.

Antropologia interpretativa

Dall’inizio del 1970 se da un verso si intensificano gli studi antropologici, dall’altro si verifica una crisi teorica, quella che è stata chiamata “crisi della rappresentazione etnografica”: si indaga sulla affidabilità degli informatori e sulla capacità dell’etnologo di comprendere le culture indigene. L’antropologia interpretativa, rappresentata da Clifford Geertz, propone di interpretare le culture come fossero dei “testi”, ipotesi che impone la necessità di una “traduzione”; in questo senso traduzione e interpretazione sono le due modalità per comprendere le culture altre e diverse.

Come esemplificazione Geertz propone una interpretazione del concetto di persona in tre società diverse (Giava, Bali, Marocco), considerando la nozione dal punto di vista dei nativi. A Giava il concetto di persona corrisponde a un’armonia generalizzata del cosmo, per cui ogni singolo essere è collocato in un punto preciso entro un disegno armonico universale, nel cui ambito il re occupa il posto più elevato, specchio e immagine della potenza degli dei. A Bali il concetto di persona si collega piuttosto alla teatralità della vita rituale, tipicamente balinese, nella quale ogni persona recita una parte, è un personaggio del grande teatro del mondo. In Marocco infine la persona è determinata dalla sua posizione topologica, all’interno dello spazio sociale, che è strutturato a cerchi concentrici: la famiglia, la famiglia estesa, il villaggio, il paese e l’intero mondo. Il concetto di persona in Marocco è un concetto spaziale e relazionale (Geertz, 1988, 66).

Attualmente la dimensione interpretativa ha postulato il metodo della “negoziazione dei significati”: l’antropologo scende a patti con il suo gruppo di ricerca e con gli informatori, interpretando i significati dei fenomeni culturali in base a una transazione, in cui il punto di vista “interno”, quello dei nativi, viene confrontato esplicitamente con il punto di vista “esterno”, quello dell’antropologo, che implicitamente opera con metodo comparativo. Attualmente la situazione nel mondo implica di interpretare i fenomeni di sincretismo culturale. Oggi le comunità sono in contatto reciproco, la civiltà occidentale ha invaso in maniera pervasiva l’intero pianeta, sconvolgendo gli equilibri sia culturali che ecologici, e imponendo una serie di situazioni che hanno scardinato le strutture socioculturali originarie dei popoli di interesse etnologico.

Si può portare ad esempio ciò che accadde tra i Tikopia nelle Isole Salomone del Pacifico. L’introduzione della moneta provocò non solo un’alterazione del sistema economico ma anche altri mutamenti. Cambiarono le coltivazioni che vennero integrate con quelle della patata americana e della tapioca. L’incremento demografico e la pressione sulle risorse alimentari indebolirono i legami di parentela, “non vi era più tra le famiglie nucleari che costituivano le unità economiche della famiglia estesa la cooperazione che esisteva prima, in molti casi la terra era stata divisa fra varie famiglie nucleari, e i diritti sulla terra erano appannaggio di queste o addirittura, cosa che non si era mai verificata precedentemente, di singoli individui. I membri delle famiglie estese non erano più disposti a spartire i beni, soprattutto il denaro, e altri beni acquisiti attraverso il lavoro.

L’isola di Tikopia vicino alle Salomone fu così completamente trasformata dall’impatto con le modalità culturali dei bianchi” (Ember, 1998, 367). Un altro mutamento radicale è stato quello della fondazione degli Stati nazionali sulla scia delle colonie, che hanno inglobato comunità ed etnie a volte tra loro estremamente disomogenee. Oggi non è più possibile studiare le comunità native nella loro integrità. Il sincretismo culturale è l’elemento dominante. Come sostiene Amselle si è passati dall’attività della “ragione antropologica” all’attività delle “logiche meticce”, che tengono conto delle problematiche interculturali e transculturali ormai dominanti nel nostro pianeta.

BIBLIOGRAFIA

Testi di Cecilia Gatto Trocchi:

Altri testi

Testi di Lévi-Strauss, Claude

Il primitivismo - Umanesimo e socialismo


Web Homolaicus

Foto di Paolo Mulazzani


Enrico Galavotti - Homolaicus - Sezione Teoria
 - Stampa pagina
Aggiornamento: 10/09/2014