POESIE IN LIBERTA'


DOLFO NARDINI

Un uomo anonimo, uno scrittore dall'identit rimossa, che si cela dietro lo pseudonimo offertogli dal suo amico editore, legato a doppio filo con la sua Romagna e le tradizioni degli antenati.

E’ anche vero che uno autore non pensa mai alla propria identit. Preferisce concentrarsi sui momenti e i concetti che devono entrare a far parte delle sue opere. Personalmente posso solo dirvi che il mio spirito indagatore mi porta a dedurre che “la penna senza volto” appartiene a un individuo che scrive nel tentativo di esplorare il suo passato, ci che fa di lui quello che .

Nato presumibilmente durante il secondo conflitto mondiale, dove suo padre ha combattuto, da bambino ascoltava le storie di trincea di suo nonno, che era stato un dei “ragazzi del ’99”. Il suo convinto anonimato si pu forse giustificare alla luce della sua atavica volubilit e della continua ricerca di solitudine sin dagli anni della sua giovinezza quando, come Huckleberry Finn, rifiutava di "lasciarsi educare".

Un uomo probabilmente irrisolto, difficile, irascibile, gradasso, mai vinto, caratteristiche che rappresentano appieno il romagnolo doc. Un poeta, da leggere e amare. Questo certamente Dolfo Nardini.

Marco Benazzi
(collaboratore Tosca Edizioni)

Dolfo Nardini ha scritto I nomar de’ lot dal ca populeri (2005 Tosca Via Verghereto, 44 - Cesena www.viaterrea.it - viaterrea@infinito.it Edito da: D.U.Press - Bologna). Ha pubblicato anche E' lavor de' pisirel, Tosca.

L’andar ’venti e’ mond nench senza Galli?

Te t’al savita
ch’l’era lo e’ poeta
d’insdei
’d fora de’ bar
da l’Italina
lo zet
te zet
e lo u l’saveva
che te t’al savita

Andr poi avanti il mondo senza Galli? // Tu lo sapevi che era lui il poeta / seduto al bar dell’Italina / fuori / zitto lui / zitto tu / e lui sapeva poi che lo sapevi.

E’ mi ba

A ngn’i sem pi
a sem int la sclerosi
l’ za da un po’
ch’e’ smesa tot la nota
e ‘des e’ ven ad qua
u m’punta e’ did e u m’fa:
-Ades a j cap
chi l e’ tu ba!-

Mio padre // Non ci siamo pi, / siamo nella sclerosi / gi da un po’ / che smania tutta notte / e adesso viene di qua / mi punta il dito e fa: / adesso ho capito / chi il tuo babbo!

Cvnt ch’e’ ven sra

S’t’at caz un po’ a pans,
quand e’ ven sera
t’sint che la morta
la j un po’ pi dria
ch’e’ raspa e’ sorgh
e tot qui ch’i t’ dria
j mes cme te
e cs chi mel e mela
che t’an i cnos e t’an i cnusar.

Quando viene sera // Se ti metti un po’ a pensare / quando viene sera / senti che la morte / un po’ pi vicina / che il sorcio gratta / e tutti quelli che ti sono vicini / sono messi come te / e cos quei mille e mille / che non conosci e non conoscerai

Avguri

U m’ ’rivat l’invid de’ complean.
Ch’u t’venga un colp
ch’u m’ toca a f e’ regheli!
T’an t’vi?
D reta a me
guerdt int e’ spec
inveci ad festeg.

Auguri // M' arrivato l'invito del compleanno / Che ti venga un colpo / mi tocca farti il regalo! / Non ti vedi? / Dammi retta / guardati allo specchio / invece di festeggiare.

Avguri

Dato ch’ z pagh
sbundenzia cun la cipria
boti de’ minio
droval che ruset...
no f cme zerta zenta
ch’a sam pi dria a i quarenta
ch’an e i trenta.

Auguri // Dato che ho gi pagato / abbonda con la cipria / datti dell'ombretto / usa quel rossetto / non fare come certa gente / che pi vicina ai quaranta / che ai trenta.

Triathlon

Piron l’ and in pension e u s’ d a e’ sport
ades par lo u j sol la bicicleta.
Prema e fa e’ pin a e’ bar
e p pr e’ fresch u s’bota z a marena
u s’ferma quand ch’e’ ved la prema troia
pr un po’ ad ricreazion.
Fal te s'tci bon! P monta in bicicletta!
Quand l’ mez d la meza
l’ z ’rivat l da la su murosa,
cla vedva che la sta l ’d dria a Cas-cion.
E z bei, magn, ciav...
Ch’l’ p sempra caplet e pasta verda!
Roba pesenta.
U s’fa un suntin e quand ch’u s’ arpuns
u s’ven a ca, cun tot al su farmedi.
Al zenqv l’ z int e’ bar ch’e’ fa e’ sburon.
- Be mo ad sport ch’l’? - t’dir.
Lo e’ dis ch’l’ e’ triatlon.

Triatlon // Piero in pensione e s’ dato allo sport / ora per lui c’ solo bicicletta. / Prima fa il pieno al bar / poi quando ancora fresca la mattina / si butta alla marina. / Alla prima puttana / si ferma un poco / la ricreazione / Prova a farlo anche tu / se sei un campione / poi corri in bicicletta! / A mezzogiorno dalla fidanzata / la vedova / che sta l a Castiglione. / E gi bere, mangiare e tutto il resto... / e sono cappelletti e pasta verde! / Roba pesante. / Un sonnellino / e via che viene a casa / ma piano, piano / con tranquillit / E poi alle cinque tu lo trovi l / al bar dov’ partito / che fa il galletto nei pressi del bancone. / - Ma questo non sport! - tu mi dirai. / Lui invece dice s / che il triatlone.

L’ ’cs la vita

Un d che t’v in mutor
par la tu streda
u t’ pasa aventi ona
cun e’ scuter
un svulazd ’d cavel
bionda, abrunzeda
da quel ch’u s’ ved
e’ p ’na bela figa
e t’d de gas pr avdela
giost par guardela
gnenca par di quel
te t’pruv a dei de’ gas
mo tci z a e’ masum
T’a i d, t’a i d
mo u ngn’ pi gnint da f
- U ngn’ ra a qu un incros?
Mo u ngn’ un semaforo! -
gnint
e lia ch’la va
e la sluntna via
pianin, pianin
p quand t’a gn’i pens pi e t’at ci bela mes e’ cor in pesa
la acosta e la s’aferma
e te tci in pala
e u n tira gnenca i freni.

Cos la vita // Un giorno te ne vai / per la tua strada / e la vedi / che ti sorpassa in scooter / capelli lunghi / biondi / pelle abbronzata / da quello che si vede / una gran fica / e dai del gas / cos per sfogar l’occhio / ma il tuo motore al massimo / e tu spingi / spingi / per, niente da fare / - Ma qui c’era un incrocio? / Non c’ un semaforo / che la possa fermare! - / Niente / e lei va / e si allontana piano / tu non ci pensi pi / ma all’improvviso / accosta / e poi si ferma / e tu sei ancora al massimo / e quando provi / non vanno neanche i freni.


Web Homolaicus

Enrico Galavotti - Homolaicus - Sezione Letteratura
 - Stampa pagina
Aggiornamento: 27/11/2012