Laboratorio di Fisica
"La FISICA… riciclata"
(come apprendere giocando)

PRESENTAZIONE

L'insegnamento della fisica non può essere disgiunto dalla parte sperimentale e ciò a volte produce qualche disagio, poiché nella dotazione della scuola spesso mancano apparati ad hoc. D'altro canto invece nelle case abbondano oggetti di rifiuto, di frequente in materiale plastico, di cui è  necessario disfarsi. In base a queste considerazioni preliminari, il corso-laboratorio presentato, che si rivolge soprattutto a studenti della scuola dell'obbligo (2^ ciclo delle scuole elementari + scuola media inferiore), viene proposto con una doppia valenza:

  1. di apprendimento dei principi della Fisica;
  2. di costruzione manuale di apparati d’uso quotidiano.

L’obiettivo generale del corso è quello di:

  1. avvicinare i giovani alla scienza;
  2. di allargare di conseguenza la cultura scientifica, che ancora occupa poco spazio nella cultura scolastica corrente;
  3. di porre l’attenzione sulla necessità ed utilità di recuperare e riciclare i materiali di scarto, o per lo meno, considerati tali.

Gli obiettivi didattici consistono essenzialmente nell’acquisire competenze scientifiche di applicazione quotidiana, di acquisire abilità manuali e di dimostrare che si possono eseguire esperimenti scientifici con semplici attrezzature non specificatamente scientifiche. 

Non vanno sottovalutati neppure gli obiettivi educativi  si concretizzano in sviluppo delle capacità di autogestione, del senso di rispetto degli oggetti altrui,  del senso di autostima e delle capacità creative.

Gli obiettivi operativi si concretizzano quindi in un utilizzo delle risorse del territorio e nel riciclaggio dei materiali di rifiuto.

Il lavoro proposto non vuole essere esaustivo, ma solo fornire lo spunto per attivare iniziative del genere.

Ogni insegnante può liberamente attingere e completare le esperienze presentate.

Gloria Nobili (docente di Matematica e Fisica)


N.B. Le schede che seguono, intendono dare uno schema sintetico delle idee di fondo che hanno guidato il progetto, possono quindi essere modificate, integrate o ulteriormente sviluppate.

Ovviamente sono disposta a ricevere eventuali modifiche, integrazioni e sviluppi . Ogni vostro contributo sarà citato, qualora aggiungesse elementi validi a sostenere la 'causa' del riciclaggio e della divulgazione scientifica rivolta agli studenti della scuola dell'obbligo. 

Indirizzare a: gloria_nobili@tin.it


RIFIUTI

=

MATERIA PRIMA



CICLO DEI MATERIALI

           RIFIUTI MATERIA PRIMA

LABORATORIO

APPARATI SPERIMENTALI


CICLO delle IDEE

MANCANZA di FONDI 

 ABBONDANZA di MATERIALI

+

CREATIVITA’

 

SOLUZIONI ALTERNATIVE


TEORIA

Aspetto mentale/formale

SCIENZA : METODO SCIENTIFICO

ESPERIENZA

Aspetto ludico/operativo


OBIETTIVO per attirare i visitatori dei MUSEI

 

SPERIMENTARE

(usando copie in materiali comuni degli oggetti nelle vetrine)

* Apprendere           * Giocare


OBIETTIVO per interessare gli STUDENTI

SPERIMENTARE

(usando materiali 'poveri' di facile reperibilità)

Apprendere   Giocare


FASI del LABORATORIO

SPUNTI TEORICI

(libri di testo, letteratura specifica,corsi d’aggiornamento)

Preparazione del materiale

Costruzione apparato

Verifica del funzionamento

Spiegazione del Funzionamento (con l’ausilio dell’insegnante)

Interiorizzazione del funzionamento (costruzione di LEGGI)

Variazioni sul tema (fase creativa)

APPROFONDIMENTI

(agganci storici, linguistici, psicologici, trasversali, interdisciplinari, multimediali)

Web Homolaicus