BASILICA DI
SAN VITALE

I

  • La chiesa di San Vitale fu iniziata nel 526 d.C., sul modello della basilica di S. Sofia a Costantinopoli, e venne terminata nel 547.

S.Sofia a Costantinopoli (Istanbul)

  • La basilica a pianta centrale (un ottagono inscritto in un ottagono maggiore). All'esterno un corpo rettangolare (nartece) con due piccole absidi si apre su un cortile porticato. La costruzione sormontata da una cupola anch'essa esternamente ottagonale. Il campanile risale forse al secolo X.

Interno

  • Nell'interno della basilica si trovano otto robusti pilastri che sorreggono la cupola centrale, costruita con il sistema delle anfore. Tra un pilastro e l'altro si aprono il presbiterio e sette nicchie. Qui una luce dorata, proveniente dalle vetrate di alabastro, avvolge colonne, archi, marmi e mosaici, creando sorprendenti effetti cromatici.
  • Nel presbiterio vi sono quindici medaglioni con i busti del Redentore, degli apostoli e dei santi Gervasio e Protasio. Tra un medaglione e l'altro sono collocati, in funzione decorativa, due delfini intrecciati che simboleggiano la salvezza.

Interno

Abside

  • La decorazione della volta divisa in quattro settori (o vele) da festoni di foglie, frutti, fiori e uccelli che confluiscono ad una ghirlanda centrale, sorretta da quattro angeli, entro la quale spicca, bianco, l'Agnello Divino, su un fondo stellato.

Episodi di Abramo

  • Nella lunetta di sinistra due episodi della vita di Abramo: gli angeli che annunciano ad Abramo la nascita del figlio Isacco e il sacrificio di quest'ultimo.
  • Nella lunetta di destra, attorno ad un altare, appaiono Abele e Melchisedech che offrono i loro doni a Dio, rappresentato da una mano che scende dal cielo.

Abramo e Melchisedec

BACK

NEXT