TEORIA
Etica Filosofia Antropologia Pedagogia Psicologia Sociologia Ecologia Logica Ateismo...


METAFORA DELLO SPECCHIO

- Lo specchio non mente.
- No, mente sempre. Non sai chi sei? Guardati allo specchio e lo saprai ancora meno.

I

Quando ci guardiamo allo specchio, ci riconosciamo perché siamo abituati a un certo volto; e siamo abituati a vederlo mutare, seppure così lentamente che spesso non ci ricordiamo come eravamo venti, trent'anni prima. Se mutassimo all'improvviso, forse la memoria sarebbe migliore. Invece così facciamo abitudine a un mutamento progressivo, quasi convinti d'essere sempre gli stessi.

Ci riconosciamo per abitudine, grazie allo specchio. Ma se in casa nostra ne fossimo privi, noi non potremmo riconoscerci da soli: avremmo bisogno che altri lo facessero per noi. Sarebbe un riconoscimento reciproco, della e nella collettività domestica: ognuno riconoscerebbe l'altro e ognuno, di conseguenza, riconoscerebbe se stesso. Riconosceremmo la nostra identità personale in quanto appartenenti a un gruppo.

Lo specchio è stato dunque un'invenzione della cultura individualistica, di quella forma di libertà che induce le persone a riconoscersi da sé, nella propria individualità, che è, in tal caso, sinonimo di solitudine. Noi sappiamo chi siamo nella nostra privatezza, mentre per la sfera pubblica siamo costretti a riconoscerci nelle istituzioni che s'impongono con la loro forza, col peso della loro evidenza.

Non pensiamo mai a questa assurdità semplicemente perché siamo abituati a viverla sin dalla nascita. Ci illudiamo che l'esperienza dello specchio dia sicurezza, aumenti la nostra identità, la consapevolezza di noi stessi.

In realtà il bambino acquista coscienza di sé solo nel rapporto coi propri genitori e coi propri simili. L'esperienza dello specchio è del tutto inutile, anzi, può diventare fuorviante, può indurre a comportamenti narcisistici, come la strega delle fiabe che, guardandosi allo specchio, si chiede continuamente se in tutto il reame vi sia qualcuna più bella di lei. Narciso, rimirandosi, s'era innamorato di se stesso, fino a dimenticare Eco, fino a perdersi nella propria immagine.

L'illusione più grande che lo specchio offre è proprio questa, di farci credere che quello che vediamo siamo proprio noi. Lo specchio non è altro che la presunzione di definire l'identità umana, che è indefinibile per definizione. La nostra identità va sempre al di là della sua apparenza. Noi non siamo ciò che sembriamo, se non in misura minima o relativa. La nostra identità, per sentirsi umana, ha bisogno di ben altri riconoscimenti.

L'unica cosa che può concedere lo specchio è il riconoscimento dei lineamenti fisici del nostro corpo, ma di ciò potremmo anche fare a meno, in quanto la vera identità umana è qualcosa di spirituale. Il che non vuol dire che sia qualcosa di "immateriale", di impalpabile, di impercettibile, ma vuol dire qualcosa di "profondo", che va oltre le apparenze, le sembianze.

Noi non possiamo fare a meno della materialità della vita, ma dovremmo fare a meno di ciò che fa di questa materialità un idolo da adorare. La nostra immagine allo specchio è uno di questi idoli che quotidianamente adoriamo.

Prima di uscire di casa, noi anzitutto abbiamo bisogno di guardarci allo specchio, poiché temiamo il giudizio altrui. E in una società maschilista come la nostra, le donne sono quelle che soffrono maggiormente di questa frustrazione. Sono costrette a vedersi belle, a fare di tutto per sentirsi piacevoli agli occhi degli uomini.

Con questo non si vuol dire che gli specchi andrebbero tutti distrutti: se lo facessimo, conservando l'individualismo dei nostri rapporti, ci sentiremmo ancora più frustrati. Si vuol semplicemente dire che la relazione sociale aiuta di più all'affermazione dell'identità personale. È sbagliato partire dalla propria autoconsapevolezza per stabilire delle relazioni: bisogna fare il contrario.

Noi siamo nella misura in cui gli altri ci riconoscono, o meglio, nella misura in cui ci riconosciamo reciprocamente. Chi si guarda troppo allo specchio fa la fine di Alice, che, entrandovi dentro, s'immagina un mondo che non esiste.

Noi in realtà non sappiamo affatto chi siamo finché qualcuno non ce lo dice, e se pensiamo che possa o addirittura debba dircelo lo specchio, allora siamo già entrati nel mondo dei sogni.

II

Una delle cose più curiose dei racconti mistificati relativi alle cosiddette "apparizioni di Gesù risorto", è che nessun discepolo è in grado di riconoscerlo se non è lui stesso a farlo per primo. Già da questo si può capire che chi ha scritto quei racconti - tutti del quarto vangelo - apparteneva a una medesima comunità, in cui vigeva l'idea che l'identità umana va al di là delle sue apparenze.

Gesù non viene riconosciuto da Maria Maddalena se non dopo che si è autorivelato (Gv 20,14 ss.), né viene riconosciuto dai discepoli se non dopo che ha mostrato le mani e il costato trafitti (Gv 20,20: da notare che questa comunità già ignorava che la trafittura era avvenuta nei polsi). Di nuovo non lo riconoscono quando lo rivedono sul lago di Tiberiade (Gv 21,4). Solo dell'apostolo Giovanni viene detto che lo riconobbe prima ancora che Gesù rivelasse la propria identità ultraterrena (Gv 21,7). Ma questo è stato scritto in polemica con altre tradizioni cristiane, delle quali comunque si condivideva l'assunto fondamentale della divinità del Cristo.

Insomma i discepoli possono riconoscerlo solo se è lui a rivelare espressamente la propria identità, mostrando p.es. segni caratteristici della sua persona o compiendo azioni già fatte quand'era in vita. Questo quindi vuol dire che, nella fantasia religiosa di questi redattori, egli non poteva essere riconosciuto dal volto, dallo sguardo, anche se ad un certo punto riescono a farlo, come se scattasse in loro un'improvvisa illuminazione.

I redattori di questo vangelo hanno voluto far credere che per accettare l'idea di resurrezione, cioè di un corpo che non si vede, bisogna avere la "fede", cioè bisogna essere davvero convinti che Gesù sia "risorto": non vi sono altre prove.

L'esperienza della fede in sostanza assomiglia a questo: mentre ci si guarda allo specchio, si vede dietro di noi un'altra persona. Cioè si vedono due persone: una reale (alienata) e l'altra immaginaria.

Tuttavia, nonostante questa forma di alienazione (tipica di ogni esperienza religiosa), resta interessante l'intuizione che considera l'identità umana molto più complessa delle sembianze ch'essa assume. L'identità è qualcosa che va oltre le apparenze. La sostanza immutevole si dà continuamente forme mutevoli per poter apparire.

Se ci pensiamo, tutta la nostra vita, giorno dopo giorno, sperimenta la mutevolezza di queste forme. Chi non accetta tale mutevolezza fisica e cerca d'impedirne meccanicamente lo svolgimento, soffre sicuramente di problemi d'identità, non riuscendo ad accettarsi.

Il senso della vita sta invece proprio nel cercare di rispecchiarsi nell'identità o nell'autenticità altrui.

IL MISTERO DEL RICONOSCIMENTO

Nell'universo bisognerà risolvere un problema che su questa terra ci appare irrisolvibile: quando rivediamo persone dopo molto tempo, stentiamo a riconoscerle, anzi non le riconosciamo affatto se l'ultima volta che le abbiamo viste non erano ancora adulte.

Questo problema, che è fondamentale per rendere migliore l'umana convivenza, dovremmo poterlo risolvere in maniera soggettiva e oggettiva. Quella oggettiva sarà probabilmente la più facile: il tempo lo percepiremo in maniera relativa e non, come adesso, in maniera irreversibile. Avendo cioè noi la consapevolezza d'essere eterni, non potremo certo avere difficoltà a fare del passato un eterno presente. Delle tre dimensioni temporali, avremo un presente che sarà in realtà un sempre-presente, cioè sarà questa dimensione a decidere di riattualizzare il passato.

Discorso diverso però dovrà essere fatto per il futuro, poiché questa dimensione non va a incidere sulla memoria, di cui dobbiamo e vogliamo sempre avere consapevolezza, poiché senza memoria rischiamo di ripetere errori già fatti. Il passato non dovremmo viverlo come un peso, ma come una fonte continua di insegnamento, proprio per capire in quale direzione muoversi nel presente.

Il futuro invece riguarda il desiderio. Noi abbiamo desiderio d'andare avanti se siamo riconciliati col nostro passato. Abbiamo desiderio a migliorare noi stessi, a riconoscere le persone, a progettare qualcosa con loro, se il passato non opprime il nostro presente.

Ecco perché la questione del desiderio è la parte soggettiva del riconoscimento. Non sarà possibile riconoscere una persona se non si avrà davvero il desiderio di riconoscerla e se essa non avrà davvero il desiderio d'essere riconosciuta. Non basterà la percezione oggettiva di un presente eterno e di una relatività assoluta del tempo. Ci vorrà anche una disponibilità interiore, dettata dalla coscienza, anzi dalla libertà della coscienza.

Come avverrà il riconoscimento tra due persone che si sono perse di vista per molto tempo, è cosa che, al momento, per noi, resta avvolta nel mistero. Ma è indubbio che una parte di mistero resterà anche quando si scoprirà che, per riconoscersi, non saranno sufficienti le condizioni oggettive riguardanti la relatività del tempo.

Fonti

Download


Web Homolaicus

Foto di Paolo Mulazzani


Enrico Galavotti - Homolaicus - Sezione Teoria
 - Stampa pagina
Aggiornamento: 10/09/2014