LINGUAGGIO E COMUNICAZIONE


IL Verbo avere

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7

Gli studi qui pubblicati sono una piccola parte di quanto presente nel testo "I Segni nel tempo"
 pubblicato nel sito www.lulu.com/content/193593

(anni 1997-2001)

Carmine Natale

Non esistono parole italiane inizianti con h!

E l’h non si pronuncia nelle voci dell’indicativo presente!

Essa [1], l’h, è un’eredità delle forme latine del verbo habère (avere) che faceva, nell’indicativo presente, hàbeo (ho), hàbes (hai), hàbet (ha), hàbent (hanno). In passato la h accompagnava – come nel latino – le nostre forme verbali, e anche le parole latine comincianti per h, una volta italianizzate, avevano conservato la stessa iniziale: si scriveva huomo (latino homo), honore (latino honor), hora (latino hora) – e così via – ma si leggeva come se fosse scritto uomo, onore e ora (cioè, senza h). Per questo motivo, nel Quattrocento qualcuno si chiese: a che serve la h se non si pronuncia?

Si accese, così, una battaglia tra i fautori della h iniziale (Ariosto, per esempio) e gli avversarii. L’Accademia della Crusca propose, per conciliare, l’abolizione della h iniziale in tutte le parole, mantenendola soltanto nelle quattro forme del verbo avere per non confonderle con altre parole di identica grafia ma di significato diverso (o vocale/congiunzione; ai preposizione articolata; a vocale/preposizione semplice; anno sostantivo, l’arco di dodici mesi). Nel ‘700, però, i dissidenti suggerirono che, per evitare questa confusione, sarebbe stato sufficiente accentare le forme del verbo: io ò, tu ài, egli à, essi ànno, ma la proposta non fu accèttàta da tutti, e la discussione proseguì, e prosegue, anche se, oggi, entrambe le forme ànno/hanno lo stesso diritto di cittadinanza.

A sentire Policarpo Petrocchi (Castello di Cireglio, montagna di Pistoia, 1852-1902) [2], “il verbo avere, in quattro voci, prende per distinzione l’h o l’accento. L’h è più usata; l’accento è più ragionevole. Se in composizione scrivo: mi riò, si rià, quantunque riavere sia naturalmente composto da avere, l’h non la metto, perché non ci sta bene, e l’accento mi torna meglio; l’h parrebbe che stesse lì in avere, o nei suoi composti, a segnare un’aspirazione”.

[1] Cfr Come parlare e scrivere meglio - guida pratica all’uso della lingua italiana, pagg. 71-72, di Aldo Gabrielli, “Selezione dal Reader’s Digest”, 1992.

[2] LA GRAMMATICA ITALIANA, Piccola Biblioteca, volume 70, pagine 49-50, 1952, Longanesi & C, Milano.


Vedi anche Linguaggio - Traduzioni di testi e mode lessicali - La Grammatica dei chatter

Come fare traduzioni

Testi

Download


Le immagini sono state prese dal sito Foto Mulazzani

Web Homolaicus

Enrico Galavotti - Homolaicus - Sezione Linguaggi
 - Stampa pagina
Aggiornamento: 29/07/2014