CON LA PITTURA NOI ESPRIMIAMO LA NOSTRA IDEA DI QUELLO CHE LA NATURA NON E'.

Novecento
Giovane Picasso
Ispirazioni
Primitivismo
Cubismo
Titolo
Donne
Nudo
Prospettiva
Maschera
Mani
Reazioni
Interpretazioni
Fonti
Test
Contatto
Cerca

Home

PRIMITIVISMO

L'arte tribale africana, per Picasso, voleva anzitutto dire spontaneitÓ, fedeltÓ agli istinti e alle passioni, ma anche superamento delle tradizionali leggi prospettiche.

Picasso ha sentito il fascino di quest'arte e, come intellettuale insoddisfatto dei canoni occidentali, l'ha indirizzato verso una distruzione sistematica di questi stessi canoni. Sapeva di poterlo fare proprio perchÚ egli veniva giÓ considerato nel suo paese d'origine come un pittore accademico di grandissimo talento. (Leggi le sue parole).

A Picasso non Ŕ mai importato nulla del contenuto etnografico delle sculture africane. Esattamente come gli impressionisti nei confronti della pittura giapponese, egli s'interess˛ unicamente delle forme e se ne servý in chiave polemica, contro i canoni accademici (quelli del realismo e simbolismo borghese e aristocratico) che non voleva pi¨ rispettare.

Arte africana, Volto in pietra, XI sec.

Picasso ha usato l'arte primitiva nera per dare un nuovo significato a quella occidentale post-impressionista, il cui punto culminante, in forma logico-astratta, per la parte non figurativa, era stato CÚzanne.

Cultura Ife (Nigeria), Maschera in terracotta del XIII sec.

La grandezza e insieme l'ambiguitÓ del quadro Ŕ che tutto si concreta, la tesi e l'antitesi, in un unico dipinto. D'altra parte per Picasso qualunque cosa andava bene per dipingere qualunque cosa. Se l'immagine ha un'autonomia assoluta rispetto alla realtÓ, non essendo pi¨ rappresentazione di apparenze, ma pura interpretazione, allora pu˛ essere eseguita senza rispetto di vere regole formali (il Picasso successivo utilizzerÓ persino collages, scritte, stoffe... incollate sui dipinti).

Picasso voleva chiaramente liberarsi dall'obbligo di rappresentare la realtÓ, apparendogli questa, a motivo delle contraddizioni di inizio secolo, del tutto irrappresentabile. Se la realtÓ Ŕ arbitraria, in effetti non si comprende perchÚ non debba esserlo anche l'interpretazione artistica. Non a caso la critica sovietica di allora definiva Picasso un'espressione della societÓ borghese in disfacimento (ovviamente sino alla svolta di Guernica).

In un unico quadro si assiste a un percorso artistico che ha coinvolto tutta la pittura francese fino all'esistenzialismo dannato di van Gogh, passando attraverso le astrazioni concettuali di CÚzanne, per approdare all'irrazionalismo cubista.

Il primitivismo di Picasso poteva essere occasione di un recupero di tradizione abbandonate, misconosciute dall'occidente, cattolico prima, borghese dopo, ma pu˛ un artista assumersi un compito cosý grande? pu˛ l'arte stessa assumersi un compito che in realtÓ dovrebbe appartenere all'intera societÓ? In che modo l'intuizione geniale di un singolo pu˛ trasformarsi in un'esperienza di vita sociale?

Il suo primitivismo Ŕ nelle due figure di destra. Questa parte del quadro fu realizzata per ultima, su suggestione delle opere d'arte africane presenti nel museo etnografico del Trocadero, di Parigi.

Maschera rituale proveniente dalla Costa d'Avorio

Sono rintracciabili caratteri comuni nella scultura africana come gli occhi a losanga, la bocca piccola di forma ovale, il tratteggio a strisce, il volto che diventa un piano continuo, su cui appoggiare il naso e l'arco degli occhi.

Testa coronata di Oni, primo re di Ife (XII-XV sec. d.C.), Ife, Museum of Ife Antiquities

A Picasso interess˛ l'elemento spaziale dell'arte africana. La deformazione appariva ragionevole, magica, apotropaica.

L'opera Ŕ la principale porta d'accesso all'arte del XX sec. Ma proprio perchÚ inaugura una forma d'arte che presume di porsi in alternativa a tutta la tradizione occidentale senza per˛ uscire dai limiti di una rappresentazione "deformata", al fondo "alienata", della personalitÓ umana.

In particolare le maschere sono caratterizzate da una notevole stilizzazione e da un geometrismo molto accentuato.

(Non fu solo Picasso a restare impressionato dall'arte africana, ma anche Brancusi e Modigliani).

Homolaicus - Ultima modifica: 05 agosto 2013 - Sez. Arte