HOMOLAICUS - PROVERBI

GIOCA GRATIS

LEMMI

PROVERBI TROVATI

PRIMATICCIO

1

Freddo primaticcio e foglie serotine, ammazzano il vecchio.

PRIMAVERA

1

A primavera vengon fuori tutte le magagne.

2

Guardati dalla primavera del gennaio.

3

L'inverno mangia la primavera e l'estate l'autunno.

4

Per San Valentino (14 febbraio), primavera sta vicino.

5

Quando canta il cucco (cioè di primavera), un giorno molle e l'altro asciutto (ovvero un'ora bagna e l'altra è asciutto).

6

Una rondine non fa primavera.

PRIME

1

Alle prime minestre non s'ingrassa.

2

Alle prime rinfrescate si mette a prova la sanità. Ma pure s'intende a quest'altro modo, almeno in montagna dovpiù freddo: io ti conosco pover'uomo che non hai panni d'inverno da porti indosso.

3

Le bellezze son le prime spedite.

4

Quando si perdon le prime, le si perdon tutte.

PRIMI

1

Beati gli ultimi, se i primi sono discreti.

2

I poveri sono i primi alle forche, e gli ultimi a tavola.

3

I primi amori sono i migliori.

4

Tutto sta nel fare i primi paoli.

PRIMIERA

1

A primiera i due assi, menano a spasso.

2

Chi gioca a primiera e non va a primiera, perde a primiera.

3

Riso di signore, sereno d'inverno, cappello di matto, e trotto di mula vecchia, fanno una primiera di pochi punti.

PRIMO

1

Al primo colpo non cade l'albero.

2

Al primo tuon di marzo escon fuori tutte le serpi.

3

Chi pratica co' gran maestri, l'ultimo a tavola e il primo a' capestri.

4

Chi sbaglia il primo cerchiello, li sbaglia tutti.

5

Del primo giorno, scolare è il secondo.

6

Del vino il primo, del caffè il secondo, della cioccolata il fondo.

7

Di Luna al primo Marte (martedì) si fanno tutte l'arte.

8

E' meglio esser il primo a casa sua, che il secondo a casa d'altri.

9

E' meglio essere il primo in casa sua che il secondo in casa altrui.

10

I neutrali sono come chi sta al secondo piano, che ha il fumo del primo e il piscio del terzo.

11

Il core è il primo che vive e l'ultimo che muore.

12

Il primo amore non si scorda mai.

13

Il primo fallo ha nome miseria; il secondo ha nome mattia.

14

Il primo grado di pazzia è tenersi savio, il secondo farne professione, il terzo sprezzare il consiglio.

15

Il primo prossimo è se stesso.

16

Il primo scudo è il più difficile a fare.

17

Il primo servigio che faccia il figliuolo al padre, è il farlo disperare.

18

L'allegria è il primo rimedio della scuola salernitana.

19

Lo sparagno è il primo guadagno.

20

Mascherarsi non può l'uomo ignorante, se parla è conosciuto al primo istante.

21

Più vale l'ultimo che il primo viso.

PRINCIPE

1

Beata quella città che ha principe che sa.

2

Da principe bugiardo libera nos, Domine.

3

I sudditi dormono cogli occhi del principe.

4

Il popolo, quando falla, dev'essere gastigato; ma il principe, se erra, dev'esser avvisato.

5

L'intelletto deve essere principe, la volontà suddita e la coscienza giudice.

6

Servi a principe e a signore, e saprai cosdolore.

7

Un gran principe sempre have, lunghe mani ed ira grave.

PRINCIPI

1

Biasimare i principi è pericolo, e il lodargli è bugia.

2

I principi confettano gli stronzi.

3

I principi hanno le mani lunghe.

4

I principi sono come i contadini, ogni anno ingrassano un porco e poi se lo mangiano.

5

Non cercar mai d'udire da' Principi quel che'e' non voglion dire.

6

Sogni de' Principi, ricchezze di poveri.

7

Tutte le cose che fanno i Principi, son ben fatte.

PRINCIPIANTE

1

Dio ti salvi da un cattivo vicino, e da un principiante di violino.

PRINCIPIARE

1

Chi vuol ben principiare alcuna cosa, vada al Fiorentino.

PRINCIPII

1

Tutti i principii son deboli.

PRINCIPIO

1

Aprile suol esser cattivo da principio o al fine.

2

L'amore è principio del bene e del male.

3

Niun principio fu mai debole.

4

Né di Venere né di Marte non si sposa né si parte (cui si aggiunge, né si dà principio all'arte).

5

Quel che tu vuoi dire in fine, dillo da principio.

PRIORE

1

Chi più ne fa è fatto priore (o papa).

2

Fra Modesto non fu mai priore.

3

Il più ciuco è fatto priore.

PRIVO

1

Chi di libertá e' privo, ha in odio di essere vivo.

PRO

1

Più pro fa il pane asciutto a casa sua, che l'arrosto a casa d'altri.

2

Roba rubata non fa buon pro.

3

Vegliare alla luna e dormire al sole, non fa né proonore.

PROCESSIONE

1

A San Marco (25 aprile) il baco a processione.

2

Quando i furbi vanno in processione, il diavolo porta la croce.

3

Quando passano i Canonici, la processione è finita.

PROCESSIONI

1

Le bestemmie fanno come le processioni.

PROCINTO

1

E' sempre in procinto di errare chi non fugge l'occasione.

PROCURA

1

Dove manca natura arte procura.

PROCURATORE

1

L'avaro è procuratore de' suoi beni, e non signore.

PROCURATORI

1

Procuratori, pelatori, piluccatori, pericolatori.

PRODA

1

Ogni nave fa acqua; quale a mezzo, quale a proda, e quale in sentina.

PRODEZZE

1

Non fece mai prodezze la pigrizia.

PRODIGHI

1

E' meglio viver da massai che da prodighi.

2

Vorrebbe l'avaro dal donare alieno, che di prodighi fosse il mondo pieno.

PRODIGO

1

A padre avaro (o cupido) figliuol prodigo.

2

Dopo uno scarso e un avaro viene un prodigo .

3

Meglio con un avaro che ne ha che con un prodigo dispera'.

4

Prodigo e bevitor di vino, non fa né fornomulino.

PRODOTTO

1

Quando piove il giorno di San Vito (15 giugno) il prodotto dell'uva va sempre fallito.

PROFESSIONE

1

Il primo grado di pazzia è tenersi savio, il secondo farne professione, il terzo sprezzare il consiglio.

PROFETA

1

Nessuno è profeta in patria.

PROFFERISCE

1

Chi molto profferisce, poco mantiene.

2

Chi si profferisce è peggio d'un terzo.

PROFFERTA

1

Amici di profferta assai si trova.

PROFITTO

1

Da vivo nessun profitto e da morto tutto.

2

La libertá col danno è piú preziosa della schiavitú con profitto.

PROLE

1

L'aquila insegna all'inesperta prole, fin dal nido a fissar lo sguardo al sole.

PROLUNGARE

1

La si può ben prolungare, ma fuggir no.

PROMESSA

1

Ogni promessa (o promesso) è debito.

2

Promessa ingiusta tener non è giusto.

PROMESSE

1

Novelle di Banchi (o di mercato), promesse di fuorusciti, favole di commedianti.

2

Promesse di barcaiolo e incontro d'assassini, sempre costano quattrini.

PROMESSO

1

Chi tarda a dar quel che promette, del promesso si ripente.

2

Ogni promessa (o promesso) è debito.

PROMETTE

1

Chi per altrui promette, entra per le larghe e esce per le strette.

2

Chi promette e non attiene, l'anima sua non va mai bene.

3

Chi promette nel bosco, dee mantenere in villa.

4

Chi promette, in debito si mette.

5

Chi tarda a dar quel che promette, del promesso si ripente.

6

La fatica promette il premio, la perseveranza lo porge.

7

Quando il corsaro promette messe e cera mandalo in galera.

PROMETTERE

1

Il promettere è la vigilia del dare.

2

Promettere e non mantenere è villania.

3

Promettere è una cosa, e mantenere è un'altra.

4

Tre cose fanno l'uomo ricco, guadagnare e non ispendere, promettere e non attendere, accattare e non rendere.

PROMOZIONE

1

Donasi l'ufficio e la promozione, e non la prudenza né la discrezione.

PRONTA

1

Dove la voglia è pronta, le gambe son leggiere.

PRONTO

1

Tumulto presente, rigor pronto.

PROPONE

1

L'uomo propone e Dio dispone.

2

Non bisogna giocare con chi propone i giochi.

PROPOSTA

1

A tal proposta, tal risposta.

PROPRI

1

Chi vuol scusare i propri errori, erra di bel nuovo.

PROPRIA

1

Chi sta molto in casa d'altri doventa forestiero in casa propria.

2

Con l'oro, meglio che con l'eloquenza, si prova la propria innocenza.

3

Con la ragione della propria parte anche un figlio può correggere un padre.

4

L'agnello umile succhia le mammelle della propria madre e quelle degli altri.

5

La lode propria puzza.

6

La propria roba si può prendere dove si trova.

7

La roba degli altri consuma la propria.

8

Ne sa più un matto in casa propria che un savio in casa d'altri.

PROPRIE

1

Ognuno piglia le proprie oche per cigni.

2

Ognuno è figlio delle proprie azioni.

PROPRIETARIO

1

Il proprietario di campagna trema sei mesi dal freddo e sei dalla paura.

PROPRIO

1

Amore di noi stessi è naturale, l'amor proprio ci acceca e induce al male.

2

Cattivo è quell'uccello che rivela il proprio nido.

3

Chi confessa il proprio errore è sulla strada della verità.

4

Con l'amor proprio è sempre l'ignoranza.

5

Con l'errore degli altri si conosce il proprio.

6

Del mal d'altri l'uomo guarisce, e del proprio muore.

7

Gran nemico all'uomo è il parer proprio.

8

Le donne e le ciliege son colorite per lor proprio danno.

9

Nella gelosia c'è piú amor proprio che amore.

10

Non si cava mai la sete, se non col proprio vino.

11

Né il medico né l'avvocato, sanno regolare il fatto proprio.

12

Ognuno loda il proprio santo.

13

Tirare (o recare) l'acqua al proprio mulino.

PROSOPOPEA

1

Prosopopea di pedanti e sudiciume di fanti, ne son pieni tutti i canti.

PROSPERA

1

Se il buon prospera, ognun prospera.

PROSPERITÀ

1

La prosperità ti nasconde la verità.

2

Le troppe prosperità fanno gli uomini insolenti, e poi gli mandano in rovina.

3

Non v'è maggior nemico della troppa prosperità.

4

Prosperità umana, sospetta e vana.

PROSPERITATE

1

Seren d'inverno e pioggia d'estate, e vecchia prosperitate, non durano tre giornate.

PROSSIMO

1

Chi pensa al prossimo, al suo bene si approssima.

2

Il primo prossimo è se stesso.

3

Meglio un prossimo vicino che un lontano cugino.

PROTEGGA

1

Dove i cani e i lupi fanno lega, Dio protegga il gregge.

PROTEGGI

1

Signore Iddio proteggi la casa dai guai, chè avvocato, nè medico ci metta il piè mai.

PROTESTE

1

Proteste e serviziali non fanbenemale.

PROV

1

L'acqua per San Giuan, porta via il vino e non dà pan. (Prov. Spagnolo.)

PROVA

1

Alla prova si scortica l'asino.

2

Alle prime rinfrescate si mette a prova la sanità. Ma pure s'intende a quest'altro modo, almeno in montagna dovpiù freddo: io ti conosco pover'uomo che non hai panni d'inverno da porti indosso.

3

Chi non va non vede; chi non prova, non crede.

4

Chi troppo prova, nulla prova.

5

Chi vuol troppo provare, nulla prova.

6

Con l'oro, meglio che con l'eloquenza, si prova la propria innocenza.

7

I pochi fanno buona prova, ma i più vincono.

8

L'oro si prova con la pietra di paragone e l'uomo con l'oro puro.

9

La prova del testo è la torta.

10

Le mogli si tolgono a vita, non a prova.

11

Sette e figura, prova tua ventura, sette e fante dàgli tutte quante.

12

Spesso l'uomo ingannato si trova che piglia donna a vista e non a prova.

PROVAR

1

Chi vuol provar le pene dell'inferno, d'estate il fabbro e l'ortolan d'inverno.

PROVARE

1

Chi vuol troppo provare, nulla prova.

PROVATO

1

Non conosce l'Italia e non la stima, chi provato non ha la Spagna prima.

2

Non conosce la pace e non la stima chi provato non ha la guerra prima.

3

Non sa che cosa sia il male, chi non ha provato il bene.

PROVERBI

1

I proverbi li facevano i vecchi, e stavan cent'anni e li facevan sulla comoda.

PROVERBIO

1

I nostri vecchi istavan cent'anni col culo a la piova prima di fare un proverbio.

2

Questo proverbio fu notato anche dal Galilei.

PROVERBIOSA

1

Donna vecchia, donna proverbiosa.

PROVI

1

Chi ha buona la lancia, la provi al muro.

2

Chi pon mèle in vaso nuovo, provi se tiene acqua.

3

Chi vuole amici assai, ne provi pochi.

4

Chi è misero o mendico, provi tutti e poi l'amico.

PROVVEDE

1

A chi ben crede, Dio provvede.

2

Chi pensa spesso alla morte, provvede alla vita futura.

3

Chi provvede a tempo la casa, fa una bottega.

PROVVIDENZA

1

La provvidenza val più delle rendite.

2

Quando il caso è disperato, la provvidenza è vicina.

PROVVISTA

1

Cosa prevista, mezza provvista.

PROVVISTO

1

Chi ben serve, bene è provvisto

2

Colui è provvisto di poco sapere,che s'ammazza per quel che non può avere.

PRUDENTE

1

Al più potente ceda il più prudente.

2

Al prudente non bisogna consiglio.

3

Chi segue il prudente, mai se ne pente.

4

Donna prudente, è una gioja eccellente.

PRUDENZA

1

Al servo pazienza, e al padrone prudenza.

2

Dalla prudenza viene la pace, e dalla pace viene l'abbondanza.

3

Donasi l'ufficio e la promozione, e non la prudenza né la discrezione.

4

L'esperienza e la prudenza sono indovine.

5

La briglia regge il cavallo, e la prudenza l'uomo.

6

La prudenza non è mai troppa.

7

Nel marito prudenza, nella moglie pazienza,

8

Prudenza nel decidere, ma energia nell'eseguire.

9

Si può imporre la legge, ma non la prudenza.

10

Temperanza t'affreni, e prudenza ti meni.

11

Tutto cala in vecchiezza, fuorché avarizia, prudenza e saviezza.


Indice

Homolaicus - Proverbi italiani
L.R. - 2010