HOMOLAICUS - PROVERBI

GIOCA GRATIS

LEMMI

PROVERBI TROVATI

PRECIPITARE

1

Il diavolo può tentare, ma non precipitare.

PRECIPITEVOLISSIMEVOLMENTE

1

Chi troppo in alto sal, cade repente precipitevolissimevolmente.

PREDICA

1

Chi ben vive ben predica.

2

Chi predica al deserto, perde il sermone.

3

Dice più un'occhiata che una predica.

4

La predica fa come la nebbia, lascia il tempo che trova.

5

Quando la volpe predica, guardatevi, galline.

6

Si predica bene e si raccola (o si raspa) male.

PREDICAVA

1

Far come padre Zappata, che predicava bene e razzolava male.

2

Il frate predicava che non si dovea rubare, e lui avea l'oca nello scapolare.

PREGA

1

Da ricchi impoveriti e da poveri arricchiti, prega Dio che t'aiti.

2

Donna pregata nega, trascurata prega.

3

Hai bisogno? Ricorri, implora, prega; con il bisogno il silenzio non fa lega.

PREGARE

1

Donare è onore, pregare è dolore.

2

Non comprare da chi si fa pregare.

PREGATA

1

Donna pregata nega, trascurata prega.

PREGHI

1

Chi non può pagare, preghi.

PREGIA

1

Vinegia, chi non la vede non la pregia.

PREGIARE

1

Egli è molto da pregiare, chi ha perduto e lascia andare.

PREGIO

1

La gioventù è il pregio dell'asino.

PREGIUDIZI

1

E' l' ignoranza e sono i pregiudizi, difesa e scudo ai piú nefasti vini.

PREGNI

1

Muore più uomini pregni che donne gravide.

PREGO

1

Al male fatto, prego e perdono.

PREMIO

1

Amor non si compra, ne' si vende, ma in premio d'amor, amor si rende.

2

Amore non si compra né si vende, ma in premio d'amor, amor si rende.

3

La fatica promette il premio, la perseveranza lo porge.

4

Un cuor magnanimo vuol sempre il bene anche se il premio mai non ottiene.

PRENDA

1

Chi ha avuto il gusto, prenda il disgusto.

2

Chi non sa cosa siano malanni e doglie,prenda marito o prenda moglie.

3

Chi non sa quel che sia malanno e doglie, se non è maritato, prenda moglie.

4

Chi vuol vivere e star bene, prenda il mondo come viene.

5

Ognuno dal canto suo cura si prenda.

PRENDE

1

A chi prende moglie ci voglion due cervelli.

2

Chi ben dona, caro vende, se villan non è chi prende.

3

Chi dell'altrui prende, la sua libertà vende.

4

Chi prende moglie perde la metà del cervello; l'altra metà se ne va in radici.

5

Chi prende una moglie, merita una corona di pazienza; chi ne prende due, merita una corona di pazzia.

6

Chi prende, si vende.

7

Chi sempre prende e niente dona, l'amore dell'amico lo abbandona.

8

Genova, prende e non rende.

9

Gli dai un dito e ti prende la mano.

10

Se mala man non prende, canton di casa rende.

PRENDERE

1

Chi non vuol rendere, fa male a prendere.

2

E' meglio prendere che esser presi.

3

La propria roba si può prendere dove si trova.

4

Tristo quel cane che si lascia prendere la coda in mano.

PRENDERSELA

1

Combattere contro (o prendersela con) i mulini a vento.

PRENDI

1

Quando Monte Morello ha il cappello, villan, prendi il mantello

2

Quando piove alla buon'ora, prendi i bovi, va e lavora.

PRENDONO

1

Si prendono più mosche con una goccia di miele che con un barile d'aceto.

PREPARA

1

Ognuno ha la sua vecchiezza che si prepara.

2

Per Santa Teresa prepara la tesa (degli uccelli).

PRESA

1

La parola non è mal detta, se non è mal presa.

2

Ogni cosa va presa per il suo verso.

PRESCIOLOSA

1

La gatta frettolosa (o presciolosa) fece i gattini ciechi.

PRESE

1

Can che abbaia, non fa caccia (o non prese mai caccia).

2

Gatta inguantata non prese mai topo.

3

Gatto non goloso, non prese mai topi.

4

In (o per) compagnia prese moglie un frate.

PRESENTE

1

L'abito della vedova mostra il passato, gli occhi piangono il presente, e il cuore va cercando l'avvenire.

2

L'oro presente causa timore, assentedolore.

3

Tumulto presente, rigor pronto.

PRESENZA

1

Altre cose in presenza, altre in apparenza.

2

Chi ti loda in presenza ti biasima in assenza.

3

Chi vuol conservare un amico, osservi tre cose: l'onori in presenza, lo lodi in assenza, l'ajuti ne' bisogni.

4

Chi vuole conservare un amico, l'onori in presenza, lo lodi in assenza, l'aiuti nel bisogno.

5

Tal piglia leoni in assenza, che teme un topo in presenza.

PRESI

1

E' meglio prendere che esser presi.

PRESO

1

A' cinque d'aprile, il cucco dee venire; se non viene a' sette o agli otto, o ch'è preso o che è morto.

2

Chi ha preso resta preso.

3

Chi ha preso, mal sa lasciare.si dice

4

Come l'anguilla ha preso l'amo, bisogna che vada dovtirata.

5

Il bene preso in fretta torna a disdetta.

6

Il bene va preso quando si può avere (ovvero quando Iddio lo manda).

7

Piacer preso in fretta, riesce in disdetta.

8

Preso per uno, preso per mille.

9

Tal pensa salvarsi a pasqua, che è preso a mezza quaresima.

PRESSO

1

Parente da presso, e compar dalla lunga.

PRESTA

1

Chi fa limosina, presta e non dona.

2

Chi l'uomo soccorre in povertà ridotto, presta il denaro a Dio con grosso frutto.

3

Chi non presta, se ne duole; ma gli ha il suo quando lo vuole.

4

Chi presta sul gioco, piscia sul fuoco.

5

Chi presta, male annesta.

6

Chi presta, tempesta; e chi accatta, fa la festa.

7

Il diavolo presta i danari per 25 anni al più.

8

Si presta l'armi, ma non il braccio.

PRESTAGLI

1

T'annoia il tuo vicino? prestagli uno zecchino.

PRESTANO

1

La moglie, lo schioppo e il cane non si prestano a nessuno.

PRESTAR

1

A chi non crede non prestar fede.

2

A' cattivi vicini non gli prestar quattrini.

3

Se il prestar fosse buono, si presterebbe anche la moglie.

PRESTARE

1

Il bel rendere, fa il bel prestare.

2

Meglio dieci donare che cento prestare.

PRESTATA

1

A veste logorata, poca fede vien prestata.

PRESTATO

1

Tale è la sorte del libro prestato: spesso è perduto ed ognora guastato.

PRESTEREBBE

1

Se il prestar fosse buono, si presterebbe anche la moglie.

PRESTO

1

A dire si fa presto.

2

Amori di monaca e fiori di mandorlo, presto vengono e presto vanno.

3

Assai mane fan presto il pane.

4

Bellezza è come un fiore, presto nasce e presto muore.

5

Chi dei panni altrui si veste, presto si spoglia.

6

Chi di vecchio si veste, gode poco e presto n'esce.

7

Chipresto, è come se desse due volte.

8

Chi imita la formica la state, non va pel pane in presto il verno.

9

Chi poco sa, presto parla.

10

Chi presto indenta, presto sparenta.

11

Chi presto risolve, tardi si pente.

12

Chi sapesse tutto innanzi, sarebbe presto ricco.

13

Chi vuol viver sano e lesto, mangi poco e ceni presto.

14

Erba che non ha radice, muor presto.

15

I benefizi dei morti van presto in fumo.

16

I denti del giudizio spuntano tardi e cascano presto.

17

I morti e gli andati presto sono dimenticati.

18

I temporali più grossi sfogan più presto.

19

Iddio dà l'ali alla formica perché vada più presto.

20

Il mal de' cent'anni vien troppo presto.

21

Il male non vien mai tanto tardi, che non sia troppo presto.

22

Il male è presto creduto.

23

L'ingordo cane che due lepri caccia, ben presto d'ambedue perde la traccia.

24

La buona mercanzia trova presto recapito.

25

Le lacrime per i dolori altrui presto si seccano.

26

Niente si asciuga cosi' presto come le lacrime.

27

Panno vecchio presto schiantato.

28

Più si ha cura d'una cosa, più presto si perde.

29

Pota tardi e semina presto, se un anno fallirai, quattro ne assicurerai.

30

Presto e bene non stanno insieme.

31

Presto e bene raro avviene.

32

Presto e bene, tardi avviene.

33

Presto per natura, e tardi per ventura.

34

Quanto più la rana gonfia, più presto crepa.

35

Se il sole indugia a mostrarsi, vien coperto presto dai nuvoli.

36

Se la casa è piena, presto si fa da cena.

37

Si fa più presto a disfare che a fare.

38

Una nuova legge e' presto fatta, il difficile è farla bene.

PRESUME

1

Chi più fa, meno presume.

PRESUNZIONE

1

La presunzione è figlia dell'ignoranza e madre della mala creanza.

PRETE

1

Biada di mugnaio, vin di prete e pan di fornaio, non fare a miccino.

2

Chi ha prete o parente in corte, fontana gli risurge.

3

Date da bere al prete ché il chierico ha sete.

4

Grama quella ca', dove soldato o prete va.

5

Nella casa dov'è un buon dottore o un ricco prete, non si sentefamesete.

6

Non bazzichi prete e soldato, chi è maritato.

7

Ogni prete loda le sue reliquie.

8

Ogni prete può menare il cherico.

9

Pazzo è quel prete che biasima le sue reliquie.

10

Prete, medico e avvocato. trovasi in ogni lato.

11

Sbaglia il prete all'altare e il contadino all'aratro.

12

Serva ripresa (o prete spretato) e cavolo riscaldato non fu mai buona (buono).

13

Tre cose simili; prete, avvocato e morte. Il prete toglie dal vivo e dal morto; l'avvocato vuol del diritto e del torto; e la morte vuole il debole e il forte

14

Tutti non possono stare a messa vicino al prete.

PRETENSIONE

1

La pretensione non regna.

PRETI

1

A Prato c'è più preti, che a Pistoia staia.

2

Chi bazzica co' preti e intorno ha il medico, vive sempre ammalato e muore eretico.

3

Danari, boschi e prati, entrate per preti e frati.

4

Preti, frati, monache e polli non si trovan mai satolli.

5

Trieste pien de peste; Città nova, chi non vi porta non vi trova; Rovigno pien de ingegno, spacca i sassi come il legno;Capodistria, pedocciosa; Isola famosa; a Piran buon pan; Umago, tre preti e un zago (ragazzo che serve messe); una femmina da ben, e il pievan che la mantien.

PREVEDERE

1

Il vedere è facile, e il prevedere è difficile.

PREVISTA

1

Carestia prevista (o aspettata) non venne mai.

2

Cosa prevista, mezza provvista.

PREVISTO

1

Il male previsto è mezza sanità.

PREZIOSA

1

Donna savia e bella, è preziosa anche in gonnella.

2

La libertá col danno è piú preziosa della schiavitú con profitto.

PREZIOSO

1

Da puledro scabbioso, talvolta cavallo prezioso.

2

Di puledro scabbioso, alle volte hai cavallo prezioso.

3

Nulla è più prezioso del tempo e nulla c'è che più si sprechi.

PREZZO

1

Chi sa celare in parte i desir suoi, compra la merce a miglior prezzo assai.

2

Se nel fiume non ci sono piu' pesci, il prezzo dei gamberi cresce.

3

Sotto il buon prezzo ci cova la frode.

PRIA

1

Non dir di me quel che di me non sai, di' pria di te, e poi di me dirai.

PRIGIONE

1

Chi ha religione non va in prigione.

2

Chi è sano e non è in prigione, se si rammarica, non ha ragione.

3

E' meglio essere digiuno fuori che satollo in prigione.

4

Il furfante in ogni luogo trova tre cose, osteria, prigione e spedale.

5

Il giorno che si fa il debito non si va in prigione.

6

L'amicizia si fanno in prigione.

7

Né a torto né a ragione, non ti lasciar mettere in prigione.

8

Servire e non gradire, aspettare e non venire, stare a letto e non dormire, aver cavallo che non vuol ire e servitore che non vuole obbedire, esser in prigione e non poter fuggire, essere ammalato e non poter guarire, smarrir la strada quando un vuol ire, stare alla porta quando un non vuol aprire, avere un amico che ti vuol tradire, son dieci doglie da morire.

PRIGIONI

1

Dio mi guardi dalle prigioni del Duca.

PRIGIONIA

1

malattiaprigionia non fece mai buon uomo.

PRIM

1

Alla prim'acqua d'agosto pover'omo ti conosco (ovvero il caldo s'è riposto).

2

Alla prim'acqua d'agosto, cadono le mosche; quella che rimane, morde come cane.

3

Il prim'anno ch'altri va a Bologna, la febbre o la rogna.

4

Il prim'anno che l'uomo piglia moglie, o s'ammala o s'indebita.

5

Il prim'anno s'abbraccia, il secondo s'infascia, il terzo s'ha il mal'anno e la mala pasqua.

6

La prim'acqua d'agosto rinfresca il bosco.

7

La prim'acqua d'agosto, il caldo s'è riposto.

8

La prim'acqua d'aprile vale un carro d'oro con tutto l'assile.

PRIMA

1

All'uomo affortunato gli nasce prima la figlia.

2

Alla prima moglie ci si mette del suo, alla seconda si sta in capitale, alla terza si guadagna.

3

Alla prima si perdona, alla seconda si bastona.

4

Beata quella sposa, che fa la prima tosa.

5

Bisogna prima esser garzone e poi maestro.

6

Bisognerebbe essere prima vecchi e poi giovani.

7

Chi prima nasce, prima pasce.

8

Chi si guarda dalla prima, si guarda da tutte.

9

Chi vince da prima, male indovina (o perde da sezzo).

10

Chi vince la prima, perde il sacco e la farina.

11

Chi vince prima, perde il sacco e la farina.

12

Chi vuol dir mal d'altri, pensi prima di lui.

13

Chi vuole che il suo conto gli torni, faccia prima quello del compagno.

14

Fa prima il credito, e poi va a dormire.

15

Faccia chi può, prima che il tempo mute: che tutte le lasciate sono perdute.

16

Gentilezza corre la prima al perdono.

17

Gli uomini non si conoscono alla prima.

18

I nostri vecchi istavan cent'anni col culo a la piova prima di fare un proverbio.

19

II gallo prima di cantare batte tre votte l'ale.

20

Il gallo prima di cantare, batte l'ali tre volte.

21

In casa de' galantuomini nasce prima la femmina e poi gli uomini.

22

L'Italiano è saggio prima di fare una cosa, il Tedesco quando la fa, e il Francese quando è bell'e fatta.

23

La parte del minchione è la prima mangiata.

24

La prima oliva è oro, la seconda argento, la terza non val niente.

25

La prima scodella piace a tutti.

26

La prima si perdona, alla sconda si bastona.

27

La prima è asinella, la seconda tortorella.

28

La prima è moglie, la seconda compagnia, la terza eresia.

29

La seconda non gode, se la prima non muore.

30

Molti fanno prima la roba e poi la coscienza.

31

Non bisogna fasciarsi la testa prima d'essersela rotta.

32

Non conosce l'Italia e non la stima, chi provato non ha la Spagna prima.

33

Non conosce la pace e non la stima chi provato non ha la guerra prima.

34

Non si può veder Pasqua, né dopo San Marco, né prima di San Benedetto.

35

Non si vende la pelle prima che s'ammazzi l'orso.

36

Odio ricominciato, è peggio che prima.

37

Panno senese, si rompe prima che si metta in dosso.

38

Prima cerca il compagno e poi la strada.

39

Prima d'essere con altri discreto, arrendevole, prima di usar troppo delicatamente seco, guarda ch'egli non ne abusi.

40

Prima di conoscere uno, bisogna consumare un moggio di sale.

41

Prima di domandare, pensa alla risposta.

42

Prima di scegliere l'amico bisogna averci mangiato il sale sett'anni.

43

Prima di vender la pelle bisogna aver ferito l'orso.

44

Prima il dovere poi il piacere.

45

Prima scrivi e poi conta; prima conta e poi scrivi.

46

Prima Veneziani, e poi Cristiani.

47

Se l'avessi conosciuta prima, non l'avrei sposata dopo.

48

Se ti trovi dal bisogno stretto, prima che dagli altri vai dal poveretto.

49

Si fa prima l'opera, e poi si paga.

50

Tra due poltroni il vantaggio è di chi prima conosce l'altro.


Indice

Homolaicus - Proverbi italiani
L.R. - 2010