HOMOLAICUS - PROVERBI

GIOCA GRATIS

LEMMI

PROVERBI TROVATI

CAVALLO

1

A buon cavallo non manca sella.

2

A cavallo che non porta sella, biada non si crivella.

3

A tempo di guerra ogni cavallo ha soldo.

4

Alle tre si cuoce il pane (ovvero si corre il palio, o si dà il cavallo).

5

Buon cavallo e mal cavallo vuole sprone, e buona femina e mala femina vuol bastone.

6

Campa (o aspetta), cavallo, che l'erba cresce.

7

Cavallo da battaglia tienilo a orzo e paglia.

8

Cavallo giovane porta soldati, cavallo vecchio porta concime.

9

Cavallo non stare a morire che l'erba ha da venire.

10

Cavallo timido nulla vale alla corsa.

11

Cavallo vecchio, tardi muta ambiatura.

12

Chi ama il forestiero: in capo al mese monta a cavallo, e se ne va al paese.

13

Chi falla la seconda volta, merita un cavallo.

14

Chi ha buon cavallo e bella moglie, non istà mai senza doglie.

15

Chi mena la sua moglie a ogni festa, e dà bere al cavallo a ogni fontana, in capo all'anno il cavallo è bolso, e la moglie...

16

Chi tiene il cavallo e non ha strame, in capo all'anno si gratta il forame.

17

Chi va a cavallo da giovane, va a piedi da vecchio.

18

Con un cavallo d'oro si va per tutto il mondo.

19

Da puledro scabbioso, talvolta cavallo prezioso.

20

Dappoiché i decreti hanno avuto ale, e i soldati valigie, e che i monaci vanno a cavallo, ogni cosa è andata male.

21

Di puledro scabbioso, alle volte hai cavallo prezioso.

22

Dodici galline e un gallo, mangiano come un cavallo.

23

Donna in treccia, cavallo in cavezza.

24

E' cade anche un cavallo che ha quattro gambe.

25

Femmine, vino e cavallo, mercanzia di fallo.

26

L'occhio del padrone ingrassa il cavallo.

27

La briglia regge il cavallo, e la prudenza l'uomo.

28

La fame in Inghilterra comincia dalla mangiatoia del cavallo.

29

La gatta caro vende, e il cavallo mezzo dona.

30

La superbia andò a cavallo e tornò a piedi.

31

La superbia andò a cavallo, e tornò a piedi.

32

Mal si giudica il cavallo dalla sella.

33

Meglio cavallo fatto che puledro matto.

34

Non c'è uomo che non erri, nè cavallo che non sferri.

35

Non si giudica il cavallo dalla sella.

36

Ognuno sa quanto corre il suo cavallo.

37

Per un chiodo si perde un ferro, e per un ferro un cavallo.

38

Quando crediamo d'essere a cavallo siamo per terra.

39

Quando il villano è a cavallo, non vorrebbe mai che si facesse sera.

40

Servire e non gradire, aspettare e non venire, stare a letto e non dormire, aver cavallo che non vuol ire e servitore che non vuole obbedire, esser in prigione e non poter fuggire, essere ammalato e non poter guarire, smarrir la strada quando un vuol ire, stare alla porta quando un non vuol aprire, avere un amico che ti vuol tradire, son dieci doglie da morire.

41

Si batte la sella per non battere il cavallo.

42

Una giovine in mano a un vecchio, un uccello in mano a un ragazzo, un cavallo in mano a un frate, son tre cose strapazzate.

CAVAN

1

I danari cavan le voglie.

CAVANO

1

Corvi con corvi non si cavano gli occhi.

CAVARE

1

Non mettere e cavare, si seccherebbe il mare.

2

Soldati del Papa, otto a cavare una rapa;

CAVATI

1

D'aprile non ti scuoprire, di maggio vai adagio, di giugno cavati il codigugno, e se non pare tòrnatelo a infilare; di luglio vattene ignudo.

CAVERÀ

1

Nutrisci il corbo, e' ti caverà gli occhi.

CAVERAI

1

Dalla neve o cotta o pesta, non caverai altro che acqua.

CAVEZZA

1

Donna in treccia, cavallo in cavezza.

2

Ogni polledro vuol rompere la sua cavezza.

CAVI

1

Amici da starnuti, il più che tu ne cavi è un Dio t'aiuti.

CAVOL

1

Cavol riscaldato e garzon ritornato, non fu mai buono.

2

Frate sfratato e cavol riscaldato, non fu mai buone.

CAVOLI

1

I cavoli riscaldati furono buoni ma non lodati.

CAVOLO

1

Chi ha del pepe, ne mette anche sul cavolo.

2

Chi pon cavolo d'aprile, tutto l'anno se ne ride.

3

Serva ripresa (o prete spretato) e cavolo riscaldato non fu mai buona (buono).

4

Tanto va la capra al cavolo, che ci lascia il pelo.

CAVOSO

1

Fiorentini innanzi al fatto; veneziani sul fatto; senesi dopo il fatto; tedeschi alla stalla; francesi alla cucina; spagnoli alla camera; italiani ad ogni cosa; pisantin pesa l'uovo; milanese spanchiarol; veronese cavoso; fiorentin cieco; bolognese matto; mantuan bulhar; ferrarese gambamarze; romagnuolo d'ogni pelo; spagnolo bianco; lombardo rosso; tedesco negro; schiavone piccolo; genovese guercio; veneziano gobbo.

CECITÁ

1

Meglio cecitá d'occhi che cecità d'intelletto.

CEDA

1

Al più potente ceda il più prudente.

CEDE

1

A gran speranza il misero non cede.

2

L'oro cede alla virtù come l'argento all'oro.

CEDERE

1

La legge deve cedere alle usanze e alle circostanze.

CEFFON

1

Matrigna, ceffon torce, e bocca ti digrigna.

CELARE

1

Chi sa celare in parte i desir suoi, compra la merce a miglior prezzo assai.

CELATI

1

Amori, dolori e danari non posson star celati.

CELATO

1

Chi vuol l'amore celato lo tenga bestemmiato.

2

Gran peccato non può star celato.

CELI

1

Chi vuol esser discreto, celi il suo segreto.

CELINA

1

Lago di Garda e Bocca di Celina porta spesso la rovina.

CENA

1

Chi maneggia quel degli altri, non va a letto senza cena.

2

Chi va a letto senza cena , tutta notte si dimena.

3

Massaia piena fa tosto da cena.

4

Meglio andare a letto senza cena che alzarsi con i debiti.

5

Se la casa è piena, presto si fa da cena.

CENAVA

1

Quando Venezia comandava, si desinava e si cenava, coi Francesi, buona gente, si desinava solamente.

CENCI

1

Cenci dice mal di straccio.

2

Gli stracci (o i cenci) vanno all'aria.

3

I cenci sudici vanno lavati in casa.

4

Solo i cenci (o gli stracci) vanno all'aria.

5

Tutti i cenci vanno in bucato.

CENCIO

1

E' meglio vestir cencio con leanza che broccato con disonoranza

CENCIUOLO

1

Chi vuol vedere il bel figliuolo, sia rinvolto nel cenciuolo.

CENEDA

1

Venezia bella, Padova so' sorella, Treviso forte, Serraval campana, Ceneda villana, Coneglian cacciator, Belluno traditor, Prata disfatta, Brugnera per terra, Sacil crudel, Pordenon selcià, e Porzia innamorà.

CENERE

1

A can che lecchi cenere non gli fidar farina.

2

Bacco, tabacco e Venere riducon l'uomo in cenere.

3

Sotto la bianca cenere, sta la brace ardente.

CENI

1

Chi vuol viver sano e lesto, mangi poco e ceni presto.

CENSURARLI

1

Approfitta degli errori altrui, piuttosto che censurarli.

CENT

1

A chi compra non bastano cent'occhi; a chi vende ne basta uno solo.

2

Cent'oche ammazzano un lupo.

3

Chi ruba a un buon ladron ha cent'anni di perdon.

4

Di qui a cent'anni, tanto varrà il lino quanto la stoppa.

5

Facciami ben, facciami mal, in cent'anni saremo egual.

6

Gallina mugellese, ha cent'anni e mostra un mese.

7

I nostri vecchi istavan cent'anni col culo a la piova prima di fare un proverbio.

8

I proverbi li facevano i vecchi, e stavan cent'anni e li facevan sulla comoda.

9

Il mal de' cent'anni vien troppo presto.

10

Roma a chi nulla in cent'anni, a chi molto in tre dì.

11

Un'ora di contento sconta cent'anni di tormento.

12

Vendetta di cent'anni ha ancora i lattaioli.

CENTO

1

Basta un padre a governare cento figliuoli, e cento figliuoli non bastano a governare un padre.

2

Cento cale e cento pesci, una le paga tutte.

3

Cento scrivani non guardano un fattore, e cento fattori non guardano un contadino.

4

Cento testamenti e una sola donazione.

5

Chi all'onor suo manca un momento, non vi ripara poi in anni cento.

6

Chi fa una trappola, ne sa tender cento.

7

Chi lascia il vicin per un mancamento, va più in là e ne trova cento.

8

Chi ne ha cento l'alloga, chi ne ha una l'affoga.

9

Chi ne scampa una, ne scampa cento.

10

Chi ruba, pecca uno; e chi è rubato pecca cento.

11

Chi vuole un pero ne pianti cento, chi cento susini uno solo.

12

Chi vuole un pero ne ponga cento, e chi cento susini ne ponga un solo.

13

Dal rubare al restituire si guadagna trenta per cento.

14

E' meglio cento beffe che un danno.

15

E' meglio un andare che cento andremo.

16

E' meglio un tieni tieni, che cento piglia piglia.

17

E' non è un per cento di sua sorte contento.

18

Fai un passo falso oggi e cento vite non basteranno a redimerti.

19

In cento libbre di legge, non v'è un'oncia di amore.

20

In mille uno, in cento nessuno.

21

L'ombra del convento la rende il cento per cento.

22

Le licenze son cento, e l'ultima è Vatti con Dio.

23

Maledetto il giovane di cento anni, e benedetto il vecchio di venti.

24

Marito e moglie della tua villa, compari e comari lontan cento miglia.

25

Meglio dieci donare che cento prestare.

26

Omo da vino, dieci per un duino; donna da vino, cento per duino.

27

Più vale un padre, che cento pedagoghi.

28

Più vale una savia donna filando, che cento triste vegliando.

29

Pugliese, cento per forca e un per paese.

30

Quando scappa un punto, ne scappan cento.

31

Quando un cane comincia ad abbaiare contro qualcosa, altri cento lo imitano.

32

Tanto sparpaglia una gallina, quanto radunan cento.

33

Tira più un filo di benevolenza che cento paia di buoi.

34

Un buon paio d'orecchi stancano cento male lingue.

35

Un disordine ne fa cento.

36

Un furfante governa cento poltroni, e cento poltroni non governano un furfante.

37

Un nemico è troppo, e cento amici non bastano.

38

Un pane dura cento miglia, e cento pani non durano un miglio.

39

Un uomo ne val cento (o mille), e cento non ne vagliono uno.

40

Un uomo nuoce a cento, e cento non giovano a uno.

41

Un'ora di contento sconta cento anni di tormento.

42

Una ne paga cento (ovvero una le paga tutte).

43

Val più un amico che cento parenti.

44

Val più un piacere da farsi che cento di quelli fatti.

45

Val più un'oncia di sorte, che cento libbre di sapere.

46

Val più una berretta che cento cuffie.

47

Val più una frustata che cento arri là.

48

Val più uno a fare che cento a comandare.

49

Val piú un amico che cento parenti.

CENTRI

1

Non segue matrimonio che non centri il demonio.

CEPPI

1

Chi ha de' ceppi, può far delle schegge.

CEPPO

1

Chi fa il Ceppo al sole, fa la Pasqua al fuoco.

2

La scheggia ritrae dal ceppo.

CERA

1

Alla morte del marito poca cera e molto lucignolo.

2

Animo e cera, vivanda vera.

3

Castroni pugliesi, mannarini pistolesi, gran siciliano, zucchero di Candia, cera veneziana, magli romaneschi, sproni viterbesi, cacio di Creta, raviggioli fiorentini.

4

Cera lustra, non va alla giostra.

5

Cera, tela e fustagno, bella bottega e poco guadagno.

6

Chi ha il capo di cera non vada al sole.

7

I ragazzi son come la cera, quel che vi si imprime resta.

8

L'uomo si giudica male alla cera.

9

Quando il corsaro promette messe e cera mandalo in galera.

10

Troppa cera guasta la casa.

CERCA

1

Chi butta via oro con le mani, lo cerca co' piedi.

2

Chi cerca fare impiastro, sa dove lo vuol porre.

3

Chi cerca trova, e chi dorme sogna.

4

Chi cerca trova.

5

Chi cerca trova. e talor quel che non vorrebbe.

6

Chi mal cerca fama, se stesso diffama.

7

Chi scherza coi pericoli, cerca lodi e trova dolori.

8

La gelosia é una passione che cerca avidamente quel che tormenta.

9

La guerra cerca la pace.

10

Pesce che va all'amo, cerca d'esser gramo.

11

Prima cerca il compagno e poi la strada.

12

Se devi morire, cerca un boia pratico.

CERCALI

1

Se i segreti vuoi sapere, cercali nel disgusto o nel piacere.

CERCANDO

1

Cavalier male arrivato, vecchia carta ve cercando.

2

L'abito della vedova mostra il passato, gli occhi piangono il presente, e il cuore va cercando l'avvenire.

CERCANO

1

I poveri cercano il mangiare per lo stomaco, ed i ricchi lo stomaco per il cibo.

CERCAR

1

Dovcupidità non cercar carità.

2

Non cercar mai d'udire da' Principi quel che'e' non voglion dire.

3

Quando tu puoi ir per la piana, non cercar l'erta né la scesa.

4

Quando tu vedi il lupo, non ne cercar le pedate.

CERCARE

1

Dove non è re, non lo cercare.

2

Dove sta il cane non cercare il grasso.

CERCARLO

1

Il bene bisogna cercarlo, il male aspettarlo.

CERCARSI

1

E' meglio imbattersi che cercarsi apposta.

CERCHIAM

1

Amici invan cerchiam che sian perfetti, io sopporto i tuoi, tu sopporta i miei difetti.

CERCHIELLO

1

Chi sbaglia il primo cerchiello, li sbaglia tutti.

CERCHIO

1

Cerchio lontano, acqua vicina; e cerchio vicino, acqua lontana.

2

Cerchio vicino, acqua lontana, cerchio lontano, acqua vicina.

3

Dare un colpo al cerchio e uno alla botte.

CERCINE

1

Chi ha da essere facchino, nasce col cercine in capo.

CERCONE

1

Da cattivo debitore, o aceto o vin cercone.

2

Dal mal pagatore o aceto o cercone.

CERERE

1

Senza Cerere e Bacco è l'amor debole e fiacco.

CERIMONIE

1

Le cerimonie son fra le persone bugie di convenrione.

CERT

1

Alla Certosa è un cert'uso, chi vi va e non ha fretta, tocca un pane e una mezzetta.


Indice

Homolaicus - Proverbi italiani
L.R. - 2010