HOMOLAICUS - PROVERBI

GIOCA GRATIS

LEMMI

PROVERBI TROVATI

ACQUATICA

1

Montanini e gente acquatica, amicizia e poca pratica.

ACQUE

1

Il grano freddo di gennaio, il mal tempo di febbraio, il vento di marzo, le dolci acque di aprile, le guazze di maggio, il buon mieter di giugno, il buon batter di luglio, le tre acque d'agosto con la buona stagione, vagliono più che il tron di Salomone.

2

Nelle grandi acque si pigliano i pesci.

3

Non agitare le acque.

ACQUERELLO

1

Acquerello e parole se ne fa quant'un vuole.

2

Non sapere distinguere il mosto dall'acquerèllo.

3

Rimetterci il mosto e l'acquerèllo.

ACQUISTA

1

Acquista riputazione, e ponti a sedere.

2

Carta vista mal non acquista.

3

Chi acquista reputazione, acquista roba.

4

Chi non tien conto del poco, non acquista l'assai.

5

Chi paga debito, acquista credito.

6

Col soffrire s'acquista.

7

Colla pazienza, s'acquista scienza.

8

La ricchezza non s'acquista senza fatica, non si possiede senza timore, non si gode senza peccato, non si lascia senza dolore.

9

La vecchiezza è da ognuno desiderata; quando s'acquista viene odiata.

10

Quello che si acquista con maggior fatica, costa piú caro.

ACQUISTANO

1

II riposo e la salute si acquistano col lavoro.

ACQUISTAR

1

E' meglio non acquistar che perdere.

2

Il cataletto acquistar fa intelletto.

3

Non è facile acquistar buona fama.

ACQUISTARE

1

Chi sa acquistare e non custodire, può ire a morire.

2

In gioventù bisogna acquistare, quel che in vecchiezza ti può giovare.

ACQUISTATO

1

Non s'apprezza ben redato, quanto ben da sé acquistato.

ACQUISTO

1

Della roba di mal acquisto non ne gode il terzo erede.

2

E' meglio un soldo di buon acquisto, che mille d'imbrogli.

ACQUOSO

1

Maggio ortolano (cioè acquoso), molta paglia e poco grano.

ACUME

1

L'eloquenza del tristo è falso acume.

ACUTO

1

Al pan duro dente acuto.

ADAGIO

1

Adagio ai mali passi.

2

Chi falla in fretta piange adagio.

3

Chi parla troppo adagio, a chi l'ascoltadisagio.

4

Chi si marita in fretta, stenta adagio.

5

D'aprile non ti scuoprire, di maggio vai adagio, di giugno cavati il codigugno, e se non pare tòrnatelo a infilare; di luglio vattene ignudo.

ADAMO

1

Anco Adamo mangiò del pomo vietato.

2

Il se e il ma son due minchioni da Adamo in qua.

3

Tutti siamo figiuoli d'Adamo.

ADATTA

1

Un basto solo (o una sella sola) non s'adatta ad ogni dosso.

ADATTARSI

1

A questo mondo bisogna o adattarsi, o arrabbiarsi, o disperarsi.

ADATTI

1

Chi non vuol lavorare, si adatti a mendicare.

2

Chi sa perdere congiuntura, non s'adatti a mercatura.

ADDA

1

Il Po non sarebbe Po, se l'Adda e il Ticin non ci mettesser co' (capo).

ADDESTRA

1

La fame gran maestra, anche le bestie addestra.

ADDICE

1

A chi non sa parlare ben s'addice il silenzio.

ADDIETRO

1

Chi ha sbagliato la strada, torni addietro.

2

Per andare avanti bisogna voltarsi addietro.

ADDIMANDA

1

Chi ara l'uliveto addimanda il frutto.

ADDOLORATO

1

Moglie grassa, marito allegro; moglie magra, marito addolorato.

ADDORMENTA

1

Chi ben istrumenta, ben s'addormenta.

2

Chi bene istrumenta, ben s'addormenta.

ADDORMENTATA

1

Chi sveglia una tigre addormentata rischia la vita.

ADDORMENTATO

1

A sangue rimescolato il bambin non va addormentato.

ADDOSSO

1

A cane che invecchia, la volpe gli piscia addosso.

2

Ai cani e ai cavalli magri vanno addosso le mosche.

3

Chi si sputa addosso, non vale un grosso.

4

Gli vengono addosso le disgrazie più incredibili.

5

La forza caca addosso alla ragione.

6

La saetta gira gira, torna addosso a chi la tira.

7

Nessuno, per quanto accorto, può mettere le mani addosso ai pensieri.

ADIRA

1

Chi s'adira non si ricatta.

ADIRARE

1

Non t'adirare a tuo danno.

ADIRI

1

Chi vince non dileggi, e chi perde non s'adiri.

ADONE

1

Essere un Adone.

ADOPERA

1

Chi più vuole, meno adopera.

ADOPERATO

1

L'orgoglio va adoperato come il pepe.

ADOPRA

1

Chi porta spada e non l'adopra, ha bisogno di chi la cuopra.

ADOPRARLI

1

Amici e muli falliscono nell'adoprarli.

ADOPRI

1

Non è sì trista spazzatura, che non s'adopri una volta l'anno, né sì cattivo paniere, che non s'adopri alla vendemmia.

ADORA

1

Lavora come avessi a campare ognora; adora come avessi a morire allora.

ADORANO

1

Tutti adorano il sole che nasce.

ADORATORI

1

Il sole che nasce ha più adoratori di quel che tramonta.

ADORNA

1

Camera adorna, donna savia.

2

Donna adorna, tardi esce e tardi torna.

3

Il tacere adorna l'uomo.

ADORNO

1

Femmìna d'abito adorno, balestro attorno.

ADULA

1

Chi ti adula ti tradisce.

ADULANO

1

Le avversità non adulano nessuno.

ADULATORE

1

L'adulatore ha il miele in bocca e il fiele nel cuore.

2

La vita dell'adulatore poco tempo sta in fiore.

ADULATORI

1

Adulatori e parassiti son come i pidocchi.

2

Gola degli adulatori, sepolcro aperto.

ADULAZION

1

Il gran signor non ode, se non adulazion, menzogna e frode.

AFFACCENDATO

1

Ogni servo gallonato è un ozioso affaccendato.

AFFACENDATO

1

San Tommaso non sarai guardato, né da pan né da bucato, né da Santo affacendato, né da tessitora di sul Prato, ma sarai ben digiunato, tu ci vieni troppo a lato.

AFFAMATA

1

Città affamata, città espugnata.

2

Pancia affamata, vita disperata.

AFFAMATO

1

A chi è affamato, ogni cibo è grato.

2

Cane affamato non teme bastone.

3

Lupo affamato mangia pan muffato.

4

Villano affamato è mezzo arrabbiato.

AFFANNA

1

Chi compra a minuto, pasce i figliuoli d'altri e affanna i suoi.

2

Chi più brama, più s'affanna.

AFFANNI

1

Chi muore, esce d'affanni.

2

Con gli anni vengon gli affanni.

AFFATICATI

1

Affaticati per sapere e lavora per avere.

AFFATTO

1

Mezzo gennaio, il sole nel pagginaio; mezzo ferriere, morto è chi non rinviene; mezzo marzo, chi non rinviene è morto affatto.

2

Quando la mora è nera, un fuso per sera; quando l'è nera affatto, filane tre o quattro.

AFFETTI

1

Dagli effetti si conoscono gli affetti.

AFFETTO

1

Chi divide il letto,divide l'affetto.

2

Chi si divide di letto, divide l'affetto.

3

La legge effetto, e la grazia affetto vuole.

4

La tavola e il letto mantengono l'affetto.

AFFEZIONE

1

Affezione accieca ragione.

AFFIDARE

1

Al gatto che lecca lo spiedo, non affidare l'arrosto.

AFFILA

1

All'invidioso gli si affila il viso e gli cresce l'occhio.

AFFINA

1

L'oro s'affina al fuoco e l'amico nelle sventure.

2

Per dimenar la pasta il pan s'affina.

AFFINITÀ

1

La carne dell'affinità tira.

AFFITTA

1

Chi affitta il suo podere al vicino, aspetti danno o lite o mal mattino.

2

Chi affitta sconficca.dicesi anche

3

Chi affitta sfitta.

AFFOGA

1

Chi affoga s'appiccherebbe alle funi del cielo (ovvero s'attaccherebbe ai rasoi).

2

Chi affoga, grida ancor che non sia udito.

3

Chi ne ha cento l'alloga, chi ne ha una l'affoga.

4

E' un cattivo (o mal) boccone quello che affoga.

5

Fame affoga fama.

6

Il mondo è come il mare, è vi s'affoga chi non sa nuotare.

AFFONDA

1

Dove più ricchezza abbonda, più di lei voglia s'affonda.

2

Quando il grano abbonda, il pesce affonda; e quando il grano affonda, il pesce abbonda.

AFFORTUNATO

1

All'uomo affortunato gli nasce prima la figlia.

AFFRENI

1

Temperanza t'affreni, e prudenza ti meni.

AFFRONTARE

1

Meglio affrontare che temere il pericolo.

AFFRONTATO

1

Uomo affrontato è mezzo morto.

AFFRONTI

1

Chi non può scansare il pericolo, lo affronti.

AGATA

1

Sant'Agata (5 febbraio), conduce la festa a casa.

AGGHIACCIA

1

Carne grassa sempre agghiaccia.

2

Chi altri agghiaccia, se stesso infredda.

3

Dicembre, davanti t'agghiaccia e di dietro t'offende (o viceversa).

AGGIUNGE

1

Né di Venere né di Marte non si sposa né si parte (cui si aggiunge, né si dà principio all'arte).

AGGIUNGESI

1

Tutte le bocche son sorelle: ed aggiungesi da quella del lupo in fuori, che vuole tutto per sé.

AGGIUNGI

1

Al caro aggiungi danaro o lascialo.

AGGOMITOLI

1

Chi ha spago, aggomitoli.

AGGUAGLIA

1

La morte agguaglia tutti e

2

Ogni disuguaglianza amor agguaglia.

AGIO

1

Chi va a San Biagio, perde l'agio; chi va a Santa Maria Nuova, lo ritrova.

AGIRÀ

1

L'uomo impaziente agirà da stolto.

AGITARE

1

Non agitare le acque.

AGLIAIO

1

Chi vuole un buon agliaio, lo ponga di gennaio.

AGLIO

1

Casa mia, donna mia, pane e aglio vita mia.

AGNELLI

1

Il lupo non caca agnelli.

AGNELLO

1

Chi nasce lupo non muore agnello.

2

Dio manda l'agnello e poi il suo praticello.

3

L'agnello umile succhia le mammelle della propria madre e quelle degli altri.

4

L'agnello è buono anche dopo pasqua.

5

La pecora guarda sempre se ha dietro l'agnello.

6

Non ha più carta l'agnello che la pecora.

7

Per Sant'Urbano (25 maggio) tristo quel contadino che ha l'agnello in mano.

AGNESE

1

Sant'Agnese (21 gennaio), il freddo è per le siepi.

2

Sant'Agnese le lucertole van per le siepi.

AGO

1

Al sarto povero gli si torce l'ago.

2

Chi non ha voglia di lavorare perde l'ago e il ditale.

3

Dove non si mette l'ago, si mette il capo.

4

Il ladro dell'ago va all'ovo, dall'ovo al bue, dal bue alla forca.

5

L'ago e la pezzetta mantien la poveretta.

6

L'amore si nasconde dietro una cruna d'ago.

7

La mala vicina dà l'ago senza il filo.

8

Lo spillo volendo fare a cucir con l'ago, s'avvide ch'egli aveva il capo grosso.

9

Piccolo ago scioglie stretto nodo.

10

Quando la pancia è aguzza, l'ago e la rocca.

AGOSTO

1

Agosto ci matura il grano e il mosto.

2

Agosto, moglie mia non ti conosco.

3

Alla prim'acqua d'agosto pover'omo ti conosco (ovvero il caldo s'è riposto).

4

Alla prim'acqua d'agosto, cadono le mosche; quella che rimane, morde come cane.

5

Alle volte si crede trovare il sole d'agosto e si trova la luna di marzo.

6

Chi dorme d'agosto, dorme a suo costo.

7

Chi non ha pane lavorato, agosto diventa maggio.

8

Chi pota di maggio e zappa d'agosto, non raccogliepanemosto.

9

Chi va all'acqua d'agosto, non beve, o non vuol bere il mosto .

10

Chi vuole aver del mosto, zappi le viti d'agosto.

11

Di settembre e d'agosto, bevi il vin vecchio e lascia stare il mosto.

12

Fango di maggio, spighe d'agosto.

13

Gennaio zappatore, febbraio potatore, marzo amoroso, aprile carciofaio, maggio ciliegiaio, giugno fruttaio, luglio agrestaio, agosto pescaio, settembre ficaio, ottoble mostaio, novembre vinaio, dicembre favaio.

14

Il grano freddo di gennaio, il mal tempo di febbraio, il vento di marzo, le dolci acque di aprile, le guazze di maggio, il buon mieter di giugno, il buon batter di luglio, le tre acque d'agosto con la buona stagione, vagliono più che il tron di Salomone.

15

Il sol d'agosto, inganna la massara nell'orto.

16

La prim'acqua d'agosto rinfresca il bosco.

17

La prim'acqua d'agosto, il caldo s'è riposto.

18

Mostrano gli alberi nell'agosto quel che daranno poi di frutto.

19

Nel febbraio la beccaccia fa il nido, nel marzo tre o quattro, nell'aprile pieno il covile, nel maggio tra le frasche, nel giugno come un pugno, nell'agosto non ucciderla al corso.

20

Ogni uccello, d'agosto è beccafico.

21

Per il Perdon (2 agosto) si pone la zappa in un canton.

22

Per San Donato (7 agosto), l'inverno è nato; per San Lorenzo, gli è grosso come un giovenco; per Santa Maria, quanto una Badia.

23

Poco mosto, vil d'agosto.

24

Poco vino vendi al tino; assai mosto serba a agosto.

25

Quando piove d'agosto, piove miele e piove mosto.

26

Se vuoi la buona rapa, per Santa Maria (15 agosto) sia nata.

AGRESTAIO

1

Gennaio zappatore, febbraio potatore, marzo amoroso, aprile carciofaio, maggio ciliegiaio, giugno fruttaio, luglio agrestaio, agosto pescaio, settembre ficaio, ottoble mostaio, novembre vinaio, dicembre favaio.

AGRESTO

1

Chi vuol vin dolce non imbotti agresto.

AGRICOLTOR

1

Avaro agricoltor non fu mai ricco.

AGUZZA

1

Il pericolo aguzza l'ingegno e rinfranca il cuore.

2

Quando la pancia è aguzza, l'ago e la rocca.

AGUZZO

1

Genovese aguzzo, piglialo caldo.

AITI

1

Da ricchi impoveriti e da poveri arricchiti, prega Dio che t'aiti.

AIUTA

1

A buona seconda (o alla china) ogni santo aiuta.

2

Aiuta i tuoi, e poi gli altri se puoi.

3

Aiùtati che Dio t'aiuta.

4

Anche chi tiene il piede aiuta a scorticare.

5

Chi ha ragione, Iddio l'aiuta.

6

Chi non s'aiuta, s'annega.

7

Chi s'aiuta, Iddio l'aiuta.

8

Chi è in tenuta, Iddio l'aiuta.

9

Fortuna i forti aiuta, e i timidi rifiuta.

10

Gente allegra Dio l'aiuta.

11

La fortuna aiuta i matti e i fanciulli.

12

Una aiuta a maritare l'altra.


Indice

Homolaicus - Proverbi italiani
L.R. - 2010