HOMOLAICUS - PROVERBI

GIOCA GRATIS

LEMMI

PROVERBI TROVATI

CONVIENE

1

L'ingrato colle bestie si conviene, che non sa se non render mal per bene.

2

Piglia il bene quando viene, ed il male quando conviene.

CONVINCE

1

L' oro convince perfino il diavolo a spingere la mola.

CONVITI

1

I fastidi dei padroni sono i conviti dei servitori.

CONVULSIONE

1

Per le donne in convulsione, è un gran recipe il bastone.

COPERCHI

1

Il diavolo insegna a far le pentole ma non i coperchi.

COPERCHIO

1

I guai della pentola li sa il coperchio.

2

Il soverchio rompe il coperchio.

3

Non vi è pentolabrutta che non trovi il suo coperchio.

4

Ogni pentola ha il suo coperchio.

COPERTA

1

Tre cose cacciano l'uomo di casa, il fumo, la casa mal coperta e la ria femmina.

COPERTO

1

Chi è al coperto quando piove è ben matto se si muove.

2

Se il sole indugia a mostrarsi, vien coperto presto dai nuvoli.

COPPA

1

Tal ti guarda la coppa, che non ti vede la borsa.

COPPO

1

Dal fiore al coppo vi è un gran trotto.

COPRE

1

Chi alle bugie con le bugie fa scudo, copre con sottil rete un corpo ignudo.

2

Il coraggio copre l'eroe meglio che lo scudo il codardo.

COR

1

Chi ha contenti gli occhi, non si sa quel che il cor faccia.

CORAGGIO

1

Amante non sia chi coraggio non ha.

2

Chi ha coraggio, ha vantaggio.

3

Chi non ha coraggio, abbia gambe.

4

Chi non ha coraggio, non faccia l'amante.

5

Coraggio e risoluzione sono lo spirito e l'anima della virtu'.

6

II bisogno genera coraggio.

7

Il coraggio copre l'eroe meglio che lo scudo il codardo.

8

Il coraggio non deve mai essere scompagnato dalla ragione.

9

L'uomo piú ha coraggio, píú è magnanimo.

10

La paura può tener l'uomo fuori dal pericolo, ma il coraggio solo può aiutarlo in esso.

11

Nobile coraggio fa il bene senza esserci costretto.

12

Non chiamar coraggio lo stolto ardimento.

13

Piú grande è il coraggio, piú tranquillo è il sangue.

CORAGGIOSO

1

Ragione insegna che c'è gran divario tra l'uomo coraggioso e il temerario.

CORBELLI

1

Molti hanno la coscienza dove i corbelli hanno la croce.

CORBELLO

1

L'asino, quando ha mangiato la biada, tira calci al corbello.

CORBO

1

Nutrisci il corbo, e' ti caverà gli occhi.

CORDA

1

A lunga corda tira, chi morte altrui desira.

2

Un cattivo cane rode una buona corda.

CORDIALE

1

A Natale, freddo cordiale.

CORDOGLIO

1

Ad orgoglio non mancò mai cordoglio.

CORE

1

Amor, dispetto, rabbia e gelosia sul core d'ogni donna han signoria.

2

Il core è il primo che vive e l'ultimo che muore.

3

Il gioco ha il diavolo nel core.

4

Se fortuna travaglia un nobil core, raro è che alfine non gli dia favore.

5

Tal ti fa il bellin bellino che ti mangerebbe il core.

CORNA

1

Anche il bue dell'imperatore ha solo due corna.

2

Chi ha capre, ha corna.

3

Da una mucca a una donna ci corre un par di corna.

4

Dove son corna, son quattrini.

5

Ecco fatto il becco all'oca (e le corna al podestà).

6

Gli uomini si legano per la lingua, e i buoi per le corna.

7

Grano e corna vanno insieme.

8

Il bue per le corna, e l'uomo per la parola.

9

Le parole legano gli uomini, e le funi le corna ai buoi.

10

Meglio aver delle corna che delle croci.

11

Se la capra si denegasse, le corna la manifesterebbero.

CORNACCHIA

1

Di crai in crai si pasce la cornacchia.

2

E' meglio un beccafico che una cornacchia.

3

Il campanile non migliora la cornacchia.

4

Suon di campana non caccia cornacchia.

CORNAMUSA

1

Quando la cornamusa è piena, comincia a suonare.

CORNI

1

Chi fa alle capate col muro, i corni son suoi.

CORNICE

1

Vale più la cornice che il quadro.

CORNUTO

1

Uomo nasuto di rado cornuto.

CORONA

1

Chi prende una moglie, merita una corona di pazienza; chi ne prende due, merita una corona di pazzia.

2

Donna buona vale una corona.

3

Ebreo, donna e uomo con corona mai la perdona.

CORPO

1

A chi stima non duole il corpo.

2

Beato quel corpo che in sabato è morto.

3

Bellezza di corpo non è eredità.

4

Chi alle bugie con le bugie fa scudo, copre con sottil rete un corpo ignudo.

5

Chi ha cara la gloria, il corpo ha vile.

6

Corpo satollo non crede al digiuno.

7

Di casa la gatta il topo non esce a corpo pieno.

8

Guardati da tutte quelle cose che possono nuocere all'anima e al corpo.

9

I libri sono per l'anima ciò che gli alimenti sono per il corpo.

10

Il vin nel fiasco non cava la sete di corpo.

11

L'uomo libero, di corpo e mente sano, è nel suo stato un libero sovrano.

12

Le donne hanno l'anima attaccata al corpo con la colla cerviona.

13

Le donne hanno sette spiriti in corpo.

14

Le donne son segrete come il dolor di corpo.

15

Le parole non empiono il corpo.

16

Mente sana in corpo sano.

17

O di paglia o di fieno pur che il corpo sia pieno.

CORRE

1

Acqua che corre non porta veleno.

2

Alle tre si cuoce il pane (ovvero si corre il palio, o si dà il cavallo).

3

Caval che corre non ha bisogno di sprone.

4

Chi corre col punto non corre colla toppa.

5

Chi corre, corre, e chi fugge vola.

6

Chi non teme corre pericolo.

7

Da dare a avere ci corre.

8

Da una mucca a una donna ci corre un par di corna.

9

Del bene e del mal tôrre, secondo quel che corre.

10

Dove la fortuna giuoca più che il senno, la gente vi corre.

11

Dove è l'amore l'occhio corre.

12

Gentilezza corre la prima al perdono.

13

La penitenza corre dietro al peccato.

14

Ogni ricchezza corre al suo fine.

15

Ognuno sa quanto corre il suo cavallo.

16

Sopra l'albero caduto ognuno corre a far legna.

17

Tanto è darci vicin che non ci còrre.

18

Una volta corre il cane e un'altra la lepre.

19

Una volta corre il cane, e l'altra la lepre.

CORREGGE

1

Guai a colui che morte lo corregge.

2

Il drappo corregge il dorso, e la carne concia l'osso.

3

L'educazione perfeziona le nature buone e corregge le cattive.

CORREGGERE

1

Con la ragione della propria parte anche un figlio può correggere un padre.

CORREGGIE

1

Del cuoio d'altri si fanno le correggie larghe.

CORRENTE

1

A pagar non esser corrente, che può nascer l'accidente che tu non paghi niente.

2

A pigliar non esser lente, a pagar non esser corrente

3

E' un cattivo andare contro la corrente (o contro il vento).

CORRERE

1

A usanza nuova non correre.

2

Altro è correre, altro è arrivare.

3

I danari fan correre i cavalli.

CORRESSE

1

Non fu mai gatta che non corresse a' topi.

CORRI

1

Quando i mugnai gridano, corri alla tramoggia.

CORRON

1

Tra asino e asino non corron se non calci.

CORRONO

1

I falsi amici corrono con le lepri e cacciano con i cani.

2

I quattrini non hanno gambe ma corrono.

3

Se di febbraio corrono i viottoli, empie di vino e olio tutti i ciottoli.

CORRUCCIO

1

Corruccio di fratelli fa più che due flagelli.

2

Corruccio è vano senza forte mano.

CORSA

1

Cavallo timido nulla vale alla corsa.

CORSALE

1

La fine del corsale è annegare.

2

Tra corsale e corsale non si guadagna se non barili vuoti.

CORSARO

1

Quando il corsaro promette messe e cera mandalo in galera.

CORSICA

1

Corsica, morsica.

2

E' non nevica mai bene, se di Corsica non viene.

CORSO

1

Accerta il corso, e poi spiega la vela.

2

Nel febbraio la beccaccia fa il nido, nel marzo tre o quattro, nell'aprile pieno il covile, nel maggio tra le frasche, nel giugno come un pugno, nell'agosto non ucciderla al corso.

CORTA

1

Chi si marita con parenti, corta vita e lunghi tormenti.

2

Chi si marita fra i parenti,o corta vita o lunghi stenti.

3

Chi vuol quaresima corta, faccia debiti da pagare a Pasqua. Compra il letto d'un gran debitore.

4

Coda corta non para mosche.

5

E' meglio corta follia che lunga.

6

L'ultimo a comparir fu gamba corta.

7

Lunga lingua, corta mano.

CORTE

1

Alla corte del Re ognun faccia per sé.

2

Bello, sano, in corte, ed eccoti la morte.

3

Carnevale a casa d'altri, Pasqua a casa tua, Natale in corte.

4

Carnovale a casa d'altri, Pasqua a casa tua, Natale in corte.

5

Chi ha prete o parente in corte, fontana gli risurge.

6

Chi in corte è destinato, se non muor santo, muor disperato.

7

Chi mangia l'oca alla corte (per fisco), in capo alI'anno caca le penne.

8

Chi serve in corte, muore allo spedale.

9

Chi vive in corte, muore in paglia.

10

Chi è uso al campo, non vada alla corte.

11

Corte e morte, e morte e corte, fu tutt'uno.

12

Corte romana non vuol pecora sana.

13

Donna di monte, cavalier di corte.

14

Fumo, fiore e corte, è tutt'uno.

15

I poveri hanno le braccia corte.

16

La Corte Romana non vuol pecora senza lana.

17

Le bugie hanno le gambe corte.

18

Meglio la corte che la croce.

19

Penitenza senza frutto, epiteto della corte.

20

Tre cose fan l'uomo guadagnare, scienza, corte e mare.

21

Viene asin di monte, caccia caval di corte.

CORTESE

1

E' meglio esser cortese morto che villan vivo.

2

Vuoi guardare i tuoi frutti, siine cortese a tutti.

CORTESIA

1

Chi ben non usa cortesia, la guasta.

2

Chi dà per cortesia dà con allegria.

3

Il domandare è lecito, il rispondere è cortesia

4

La molta cortesia, fa temere che inganno vi sia.

5

Nei complimenti la parsimonia è cortesia.

6

Salutare è cortesia, rendere il saluto è obbligo.

7

Spesso si dà per forza quel che si nega per cortesia.

8

Una cortesia è un fiore.

CORTESIE

1

Troppe cortesie puzzano d'inganno.

CORTI

1

I favori delle corti sono come sereni d'inverno e nuvoli di state.

2

Nelle corti, la carità è tutta estinta, né si trova amicizia se non finta.

CORTIGIANA

1

In Roma più vale la cortigiana che la donna romana.

CORTIGIANI

1

I cortigiani hanno solate le scarpe di buccie di cocomero.

CORTIGIANO

1

Il cortigiano è la seconda specie de' ribaldi.

2

Meno male i calci d'un frate, che le carezze d'un cortigiano.

CORTO

1

A cattivo cane, corto legame.

2

Chi ha poco panno, porti il vestito corto.

3

Febbraio corto (o Ferraiuzzo) peggior di tutti.

4

Febbraio febbraietto, mese corto e maledetto.

5

Ferraietto è corto e maladetto.

6

Il più corto torna (o rimane) da piede.

7

Le donne hanno lunghi i capelli e corto il cervello.

8

Pianto per morto pianto corto.

9

Ramo corto, vendemmia lunga.

10

Santa Lucia, il giorno più corto che ci sia.

CORVI

1

Corvi con corvi non si cavano gli occhi.

CORVO

1

Il corvo piange la pecora e poi la mangia.

2

Il mal corvo fa mal uovo.

COS

1

Chi ha patito la fame, sa che cos'è la carestia.

2

Servi a principe e a signore, e saprai cosdolore.

COSA

1

Al molino (o alla vigna) e alla sposa, manca sempre qualche cosa.

2

Aspettare e non venire, è una cosa da morire.

3

Buona cosa è la messa udire, ma meglio la casa custodire.

4

Chi fa temere ogni uomo, teme ogni cosa.

5

Chi ha l'armi in mano, è padrone d'ogni cosa.

6

Chi il tutto può sprezzare, possiede ogni cosa.

7

Chi ingiustamente tiene, d'ogni cosa teme.

8

Chi non sa cosa siano malanni e doglie,prenda marito o prenda moglie.

9

Chi non sa dir qualche volta di no, cosa buona oprar non può.

10

Chi pratica persone ricche e potenti ricava sempre qualche cosa.

11

Chi vien dalla fossa sa che cosa è morto.

12

Chi vuol ben principiare alcuna cosa, vada al Fiorentino.

13

Chi è bugiardo in una cosa, è bugiardo in tutte.

14

Chi è stato de' consoli sa che cosa è l'arte.

15

Ci è d'ogni cosa in questo mondo.

16

Cosa cara tenuta, è mezza venduta.

17

Cosa che punge, amor disgiunge.

18

Cosa fatta, capo ha.

19

Cosa per forza non vale scorza.

20

Cosa prevista, mezza provvista.

21

Cosa rara, cosa cara.

22

Cosa troppo vista perde grazia e vista.

23

Dappoiché i decreti hanno avuto ale, e i soldati valigie, e che i monaci vanno a cavallo, ogni cosa è andata male.

24

Dopo la grazia di Dio, la miglior cosa è la libertà.

25

E' buona cosa la messa udire, ma è meglio la casa custodire.

26

E' mala cosa esser cattivo, ma è peggio esser conosciuto.

27

Fiorentini innanzi al fatto; veneziani sul fatto; senesi dopo il fatto; tedeschi alla stalla; francesi alla cucina; spagnoli alla camera; italiani ad ogni cosa; pisantin pesa l'uovo; milanese spanchiarol; veronese cavoso; fiorentin cieco; bolognese matto; mantuan bulhar; ferrarese gambamarze; romagnuolo d'ogni pelo; spagnolo bianco; lombardo rosso; tedesco negro; schiavone piccolo; genovese guercio; veneziano gobbo.

28

I quattrini non sono ogni cosa.

29

Il dire è una cosa, il fare è un'altra.

30

Il fine dimostra la cosa.

31

Il tempo consuma ogni cosa.

32

Il tempo passa e porta via ogni cosa.

33

Il tempo sana ogni cosa.

34

L'Italiano è saggio prima di fare una cosa, il Tedesco quando la fa, e il Francese quando è bell'e fatta.

35

L'ultima cosa che si ha da fare, è il morire.

36

La casa e la moglie si godono più d'ogni altra cosa.

37

La morte è una cosa che non si può fare due volte.

38

Non c'è cosa peggiore, che in vecchie membra il pizzicor d'amore.

39

Non può aver cosa buona chi non liscia la padrona.

40

Non sa che cosa sia il male, chi non ha provato il bene.

41

Non si fa cosa sotto terra, che non si sappia sopra terra.

42

Non v'è cosa che sia sicura.

43

O taci, o di' cosa migliore del silenzio.

44

Ogni cosa che senti non è suono

45

Ogni cosa si sa comperare, eccetto che il buon tempo.

46

Ogni cosa va presa per il suo verso.

47

Ogni cosa è meglio che la morte.

48

Pazienza, tempo e denari acconciano ogni cosa. Pazienza vince scienza.

49

Per fare una cosa bene, bisogna esser tagliati a buona luna.

50

Per isdegno ogni cosa è lecita.

51

Più rara cosa il mondo non possiede, che la città dove il Leon risiede.

52

Più si ha cura d'una cosa, più presto si perde.

53

Promettere è una cosa, e mantenere è un'altra.

54

Quando il guardiano giuoca alle carte, cosa faranno i frati?

55

Quando scema la luna, non seminar cosa alcuna.

56

Se il giovane sapesse, e se il vecchio potesse, e' non c'è cosa che non sifacesse.

57

Se non si maritassero altro che le belle, che cosa farebbero le brutte?

58

Se piove per l'Ascensione, va ogni cosa in perdizione.

59

Si lu giùvini vulissi e lu vecchiu putissi, nun ci sarria cosa chi nun si facissi.

60

Tra gente sospettosa, conversare è mala cosa.

61

Tra la culla e la bara ogni cosa è incerta.

62

Zucchero e acqua rosa, non guastò mai alcuna cosa.


Indice

Homolaicus - Proverbi italiani
L.R. - 2010