HOMOLAICUS - PROVERBI

GIOCA GRATIS

LEMMI

PROVERBI TROVATI

ANCO

1

Anco Adamo mangiò del pomo vietato.

2

Anco gli apostoli ebbero un Giuda.

3

Anco i migliori hanno bisogno di perdono.

4

Anco il cane col dimenar la coda si guadagna le spese .

5

Anco le civette impaniano.

6

Anco le volpi vecchie si pigliano (o rimangono al laccio).

7

Anco tra le spine nascono le rose.

8

C'è chi risponde anco a chi non lo chiama.

9

La limosina è fatta bene anco al Diavolo.

10

Se maggio va fresco va ben la fava e anco il formento.

ANCOR

1

Ancor non è nata e vediamola maritata.

2

Chi affoga, grida ancor che non sia udito.

3

Il libro del perché stampato ancor non è.

ANCORA

1

La bocca gli puzza ancora di latte.

2

Non fu mai sacco si pieno, che non v'entrasse ancora un grano.

3

Per debiti non s'è ancora impiccato nessuno.

4

Quando il sole la neve indora, neve, neve e neve ancora.

5

Vendetta di cent'anni ha ancora i lattaioli.

ANCORCHÉ

1

Servi il nobile ancorché sia povero.

ANDAR

1

Al miser uom non giova andar lontano,che la sciagura sempre gli tien mano.

2

Alle donne che non fanno figli non ci andar né per piaceri né per consigli.

3

Chi ha lingua in bocca, può andar per tutto.

4

Chi sa la strada può andar di trotto.

5

Cogli amici non bisogna andar co' se in capo.

6

In chiesa né in mercato non andar mai accompagnato.

ANDARE

1

Andare a Scarperia la non mi torna, son tutti birri e spie e limacorna.

2

Andare come l'asino alla lira.

3

Andare scalzo e seminar fondo, non arricchì giammai persona al mondo.

4

Bevi del buon vino e lascia andare l'acqua al mulino.

5

Chi comincia andare un po' in su non vorrebbe finirla più.

6

Chi ha accordato l'oste, può andare a dormire.

7

Chi si porta dietro la casa, può andare per tutto.

8

Chi vuole andare troppo in suso casca per terra e si rompe il muso.

9

Chitarra e schioppo fanno andare la casa a galoppo.

10

E' meglio andare in paradiso stracciato, che all'inferno in abito ricamato.

11

E' meglio imbattersi che andare apposta.

12

E' meglio un andare che cento andremo.

13

E' un cattivo andare contro la corrente (o contro il vento).

14

Egli è molto da pregiare, chi ha perduto e lascia andare.

15

Fare l'arte di Michelaccio: mangiare, bere e andare a spasso.

16

I bei partiti fanno andare gli uomini in galera

17

Legala bene, e poi lasciala andare.

18

Meglio andare a letto senza cena che alzarsi con i debiti.

19

Non importa andare a Roma per la penitenza.

20

Ognuno sa dov'è, ma nessuno sa dov'ha da andare.

21

Per andare a piano si scendon molte miglia.

22

Per andare avanti bisogna voltarsi addietro.

23

Per Sant'Andrea piglia il porco per la sèa (setola); se tu non lo puoi pigliare, fino a Natale lascialo andare.

24

Quando viene la comare, di riffe o di raffe bisogna andare.

25

Tal bue crede andare a pascere, che poi ara.

ANDARONO

1

Fare come gli zufoli (ma più com. i pifferi) di montagna (che andarono per suonare e tornarono suonati)

ANDATA

1

Dappoiché i decreti hanno avuto ale, e i soldati valigie, e che i monaci vanno a cavallo, ogni cosa è andata male.

ANDATI

1

I morti e gli andati presto sono dimenticati.

ANDAVA

1

Quando il tuo diavolo nacque, il mio andava ritto alla panca

ANDEREBBERO

1

Se i desiderii bastassero, i poveri anderebbero in carrozza.

ANDÒ

1

Chi mai non andò fuori dal guscio ov'è nato diventa facilmente superbo; non trova il buono che in casa sua, e si crede essere sopra gli altri.

2

La superbia andò a cavallo e tornò a piedi.

3

La superbia andò a cavallo, e tornò a piedi.

ANDRÈ

1

Da San Martino a Sant'Andrè settimane tre, da Sant'Andrè a Natal un mese egual.

ANDREA

1

La neve Sant'Andrea l'aspetta; se non a Sant'Andrea, a Natale; se non a Natale, più non l'aspettare.

2

Per Sant'Andrea piglia il porco per la sèa (setola); se tu non lo puoi pigliare, fino a Natale lascialo andare.

ANDREMO

1

E' meglio un andare che cento andremo.

ANELLO

1

Avere l'anello di Salomone.

ANGELE

1

Le donne son sante in chiesa, angele in istrada, diavole in casa, civette alla finestra, e gazze alla porta.

ANGELI

1

Fanciulli angeli, in età diavoli.

ANGELICA

1

Se la donna di gran beltade non ha angelica onestade, non gli far veder le strade.

ANGELLO

1

Pecora mal guardata, da ogni angello è poppata.

ANGELO

1

Angelo nella giovanezza, diavolo nella vecchiezza.

2

Quando l'angelo vuole diventare demonio, impara a mentire.

ANGIOLI

1

Gli angioli non pisciano.

ANGIOLO

1

Quando l'Angiolo si bagna l'ale, piove fino a Natale.

2

Uomo solitario, o bestia o angiolo.

ANGUILLA

1

Chi piglia l'anguilla per la coda e la donna per la parola, può dire di non tener nulla.

2

Come l'anguilla ha preso l'amo, bisogna che vada dovtirata.

ANGUSTA

1

La fama, come un fiume, è angusta alla fonte e larga alla foce.

ANIMA

1

Chi promette e non attiene, l'anima sua non va mai bene.

2

Coraggio e risoluzione sono lo spirito e l'anima della virtu'.

3

Gli occhi sono la finestra dell'anima.

4

Guardati da tutte quelle cose che possono nuocere all'anima e al corpo.

5

I fanciulli hanno l'anima negli occhi.

6

I libri parlano allo spirito, gli amici al cuore, il cielo all'anima e tutto il resto agli orecchi.

7

I libri sono per l'anima ciò che gli alimenti sono per il corpo.

8

La morte paga i debiti, e l'anima li purga.

9

La roba ruba l'anima.

10

Le donne hanno l'anima attaccata al corpo con la colla cerviona.

11

Pasqua di Befana, la rapa perde l'anima.

ANIME

1

Le anime grandi hanno volontà, le volgari solo velleita'.

ANIMO

1

Animo e cera, vivanda vera.

2

Vista torta, mal animo mostra; vista all'ingiù, tristo e non più; vista all'insù, o pazzo o tanto savio che non si possa dir più.

ANNA

1

Se piove il dì di S. Anna piove un mese e una settimana.

2

Se piove per S. Anna l'acqua diventa manna.

ANNATA

1

Se di novembre tuona, l'annata sarà buona.

ANNEGA

1

Chi non s'aiuta, s'annega.

ANNEGANO

1

Viene da Dio che i frati s'annegano.

ANNEGARE

1

La fine del corsale è annegare.

ANNESTA

1

Chi presta, male annesta.

ANNESTARE

1

L'annestare sta nel legare.

ANNI

1

Accade in un momento quel che non è accaduto in anni.

2

Chi all'onor suo manca un momento, non vi ripara poi in anni cento.

3

Chi ara terra bagnata per tre anni l'ha dissipata.

4

Chi combatte per la libertà, ha venti anni e venti cuori.

5

Chi mangia aloè, campa gli anni di Noè.

6

Chi ruba a un buon ladron ha cent'anni di perdon.

7

Come avviene in questi anni.

8

Con gli anni vengon gli affanni.

9

Credi agli anni.

10

Di qui a cent'anni, tanto varrà il lino quanto la stoppa.

11

Dice il porco, dammi dammi, né mi contar mesianni.

12

Facciami ben, facciami mal, in cent'anni saremo egual.

13

Gallina mugellese, ha cent'anni e mostra un mese.

14

Gli anni della fame cominciano nella greppia del bestiame.

15

Gli anni sanno più dei libri.

16

Gli uomini hanno gli anni che sentono, le donne quelli che dimostrano.

17

I diciott'anni non sono mai stati brutti.

18

I nostri vecchi istavan cent'anni col culo a la piova prima di fare un proverbio.

19

I proverbi li facevano i vecchi, e stavan cent'anni e li facevan sulla comoda.

20

I ragazzi e i pazzi credono che vent'anni e venti lire non debban mai finire.

21

Il diavolo presta i danari per 25 anni al più.

22

Il mal de' cent'anni vien troppo presto.

23

Il peso degli anni è il maggior peso che l'uomo possa portare.

24

La malizia viene avanti gli anni.

25

La roba del villano dura trent'anni e un mese e poi la torna al suo paese.

26

Maledetto il giovane di cento anni, e benedetto il vecchio di venti.

27

Molti anni e molti pericoli assennano l'uomo.

28

Molto più fanno gli anni che i libri

29

Ogni dieci anni un uomo ha bisogno dell'altro.

30

Prima di scegliere l'amico bisogna averci mangiato il sale sett'anni.

31

Quando la terra vede la vena per sett'anni la terra trema.

32

Roma a chi nulla in cent'anni, a chi molto in tre dì.

33

Sette anni di bel tempo non pagano un soldo di debito.

34

Un asin di vent'anni è più vecchio d'un uomo di sessanta.

35

Un'ora di contento sconta cent'anni di tormento.

36

Vendetta di cent'anni ha ancora i lattaioli.

ANNITRISCONO

1

I soldati fanno come i cavalli che annitriscono a chi li governa, e tiran calci al padrone.

ANNO

1

Anno bisesto, anno senza sesto.

2

Anno ficaio, scarso granaio.

3

Anno fungato, anno tribolato.

4

Anno ghiandoso, anno cancheroso.

5

Anno nevoso anno fruttuoso.

6

Anno pecoraio, anno pecchiaio.

7

Anno susinao, poche fastella.

8

Aprile e maggio son la chiave di tutto l'anno.

9

Aprile piovoso, maggio ventoso o veneroso (cioè bello e gaio); anno fruttuoso.

10

Arno e mori, ogni anno ne vuole.

11

Bambin d'un anno rigetta il latte dal calcagno.

12

Cattivo è quel palo che non può stare un anno in terra.

13

Chi arricchisce in un anno, è impiccato in un mese.

14

Chi fa il buon mese, fa il buon anno.

15

Chi mangia l'oca alla corte (per fisco), in capo alI'anno caca le penne.

16

Chi mena la sua moglie a ogni festa, e dà bere al cavallo a ogni fontana, in capo all'anno il cavallo è bolso, e la moglie...

17

Chi non ha orto e non ammazza porco, tutto l'anno sta a muso torto.

18

Chi pon cavolo d'aprile, tutto l'anno se ne ride.

19

Chi tiene il cavallo e non ha strame, in capo all'anno si gratta il forame.

20

Chi veste di mal panno, si riveste due volte all'anno.

21

Chi vuole il malanno, abbia il mal'anno e la mala pasqua.

22

Con arte e con inganno, si vive mezzo l'anno; con inganno e con arte, si vive l'altra parte.

23

Di mezz'anno il cul fa da scanno.

24

Fammi fattore un anno, se sarò povero mio danno.

25

I principi sono come i contadini, ogni anno ingrassano un porco e poi se lo mangiano.

26

I travagli tiran giù l'anno.

27

Il ben d'un anno va via in una bestemmia.

28

Il gallo e il servitore in un anno perdon vigore.

29

Il minchione di quest'anno se n'accorge quest'altr'anno.

30

Il prim'anno ch'altri va a Bologna, la febbre o la rogna.

31

Il prim'anno che l'uomo piglia moglie, o s'ammala o s'indebita.

32

Il prim'anno s'abbraccia, il secondo s'infascia, il terzo s'ha il mal'anno e la mala pasqua.

33

In anno pieno il grano è fieno, in anno malo la paglia vale quanto il grano.

34

In capo all'anno mangia più il morto che il sano.

35

In Maremma si arricchisce in un anno e si muore in sei mesi.

36

Le donne hanno quattro malattie all'anno, e tre bei mesi dura ogni malanno.

37

Le donne son malate tredici mesi dell'anno.

38

Non è buon anno quando il pollo becca il gallo.

39

Non è sì trista spazzatura, che non s'adopri una volta l'anno, né sì cattivo paniere, che non s'adopri alla vendemmia.

40

Pericolo disprezzato viene entro l'anno.

41

Pota tardi e semina presto, se un anno fallirai, quattro ne assicurerai.

42

Quando l'anno vien bisesto, non por bachi e non far nesto.

43

Quest'anno fignolosa, e quest'altro anno sposa.

44

Se il matrimonio durasse un anno, tutti si mariterebbero.

45

Un anno dopo le nozze si conosce il matrimonio.

46

Una berretta manco o più, è un quattrino di carta l'anno, poco ti costano, e amici ti fanno.

47

Uomo indebitato ogni anno lapidato.

48

Val più un buon giorno con un uovo, che un mal'anno con un bue.

ANNOIA

1

T'annoia il tuo vicino? prestagli uno zecchino.

ANNUALE

1

Il buon lavoratore rompe il cattivo annuale.

ANSANO

1

Per Sant'Ansano (1 dicembre), uno sotto e uno in mano.

ANTICA

1

Milano la grande, Vinegia la ricca, Genova la superba, Bologna la grassa, Firenze la bella, Padova la dotta, Ravenna l'antica, Roma la santa.

ANTICHI

1

Far come gli antichi, che mangiavan le cocce e buttavano i fichi.

ANTICO

1

Onora il senno antico.

2

Oste antico, nemico moderno.

3

Se trovi un amico nuovo non obliar l'antico.

ANTONIO

1

Poco cacio (o poco pane) poco Sant'Antonio.

2

Sant'Antonio (17 gennaio), gran freddura, San Lorenzo gran caldura, l'uno e l'altro poco dura.

3

Sant'Antonio dalla barba bianca, se non piove, la neve non manca.

4

Sant'Antonio fa il ponte e San Paolo lo rompe.

5

Tanto pane, tanto Sant'Antonio.

ANZI

1

Il bianco e il rosso va e vien, ma il giallo si mantien;anzi il giallo è un color forte che dura anche dopo morte.

2

Il bruno il bel non toglie, anzi accresce le voglie.

APE

1

Ape morta non dá miele.

2

E' meglio un'ape sola che un esercito di vespe.

3

L'ape e la pecora in april danno la pelle.

4

L'ape laboriosa tutto il giomo non riposa.

5

La pecora e l'ape, nell'aprile danno la pelle.

6

Morta l'ape, non si succia più mèle.


Indice

Homolaicus - Proverbi italiani
L.R. - 2010